Espropri: due risposte dell’Agenzia su mutamento della destinazione urbanistica e indennità erogate a coltivatori diretti

Espropri: due risposte dell’Agenzia su mutamento della destinazione urbanistica e indennità erogate a coltivatori diretti

L’Agenzia delle Entrate, con le Risposte alle Istanze di Interpello n. 162 e n. 165 del 28 dicembre 2018, è intervenuta in merito alla tassazione delle plusvalenze da indennità di esproprio e conseguente applicazione della ritenuta Irpef da parte dei Comuni che erogano dette indennità, ai sensi dell’art. 35 del Dpr. n. 327/2001 (Tuepu).

L’Agenzia ha ricordato in via generale che, in base a tale norma, in cui sono confluite le disposizioni contenute nell’art. 11, commi da 5 a 9 della Legge n. 413/1991, rientrano fra i redditi diversi – di cui all’art. 67, comma 1, lett. b), del Tuir

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Trasparenza: nessuna sospensione per l’obbligo di pubblicare gli emolumenti a carico della finanza pubblica percepiti dai Dirigenti

L’obbligo di pubblicazione degli emolumenti complessivi a carico della finanza pubblica percepiti dai Dirigenti, disposto dall’art. 14, comma 1-ter, del

Appalti: Corte Ue, legittima la richiesta di corrispondere un salario minimo al personale che si occuperà dell’esecuzione

Nella Sentenza C-115/14 del 17 novembre 2015 della Corte di Giustizia europea, i Giudici rilevano che l’art. 26 della Direttiva

Trasferimenti erariali: solo alcuni Enti Locali sono tenuti all’invio delle certificazioni per il rimborso dell’Iva sui servizi non commerciali 

La Direzione centrale della Finanza locale presso il Ministero dell’Interno, con la Circolare n. 5 del 23 gennaio 2018, ha

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.