Estensione dello “split payment“ dal 1° luglio 2017: il perimetro completo dei soggetti interessati deve essere ancora definito con precisione

Estensione dello “split payment“ dal 1° luglio 2017: il perimetro completo dei soggetti interessati deve essere ancora definito con precisione

Come noto, l’art. 1 del Dl. 24 aprile 2017, n. 50, pubblicato sulla G.U. n. 95 del 24 aprile 2017 (S.O. n. 20), ha esteso, a decorrere dal 1° luglio 2017, il meccanismo di scissione dei pagamenti (c.d. “split payment”), di cui all’art. 17-ter del Dpr. n. 633/72 (introdotto dai commi 629 e successivi della Legge n. 190/14), alle forniture, oltre che alle Pubbliche Amministrazioni, anche alle Società controllate dalle Pubbliche Amministrazioni ai sensi dell’art. 2359 del Codice civile.

Nello specifico, per effetto della suddetta “Manovra correttiva”, si allarga la platea delle P.A. con obbligo

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Iva: in caso di riscossione di canoni relativi ad immobili sequestrati, gli adempimenti spettano all’Amministratore giudiziario

L’Agenzia delle Entrate, col Principio di diritto n. 11 del 31 luglio 2020 ha fornito chiarimenti sul soggetto tenuto agli

Cessione di area Pip da parte di un Comune nell’ambito del “Piano di valorizzazione”: l’esenzione da Imposte indirette riguarda anche l’Iva?

Il testo del quesito: “Il nostro Comune sta procedendo alla cessione di un lotto di area produttiva ad una Società

Occupazione abusiva degli immobili: normativa oggi più agevole per gli Enti Locali

  L’occupazione abusiva degli immobili è sempre stata, sia per i Comuni che per gli Enti interessati (Aziende regionali e