Esternalizzazione di un servizio da parte dell’Amministrazione: il personale interessato non può considerarsi cessato

Esternalizzazione di un servizio da parte dell’Amministrazione: il personale interessato non può considerarsi cessato

Nella Delibera n. 143 del 10 maggio 2017 della Corte dei conti Lombardia, un Ente ha indetto una procedura aperta per l’esternalizzazione del Servizio di “Farmacia comunale”, in precedenza gestito direttamente con proprio personale dipendente. L’esternalizzazione prevede la concessione del servizio al soggetto aggiudicatario per la durata di 20 anni con il trasferimento del personale dipendente in capo al Concessionario con cessione dei contratti di lavoro. La concessione non prevede la clausola della reinternalizzazione del personale al termine della concessione ventennale. Pertanto, viene chiesto se, a seguito della cessione dei contratti di lavoro al Concessionario, l’Ente dovrà procedere

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“#prideandprejudice” capitolo 6: gli aiuti di Stato alla Banche

Chiude il cerchio dell’iniziativa “#prideandprejudice”(campagna avviata dal Mef per smentire alcuni dei luoghi comuni sulla “salute” dell’economia italiana) la questione

Processo tributario: la rendita catastale può essere impugnata dal Comune davanti al Giudice tributario

  Nell’Ordinanza n. 15201 del 21 luglio 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici osservano che l’art. 2, comma 2,

Revisori Enti Locali: emanato il terzo Decreto che integra l’Elenco 2018

Scatta la terza modifica dell’Elenco dei Revisori degli Enti Locali, approvato con il Decreto del Ministero dell’Interno 21 dicembre 2017