Eurogruppo: bilancio programmatico dell’Italia a rischio di deviazione significativa dagli obiettivi di finanza pubblica

Eurogruppo: bilancio programmatico dell’Italia a rischio di deviazione significativa dagli obiettivi di finanza pubblica

Il bilancio programmatico dell’Italia è a rischio di deviazione significativa dagli obiettivi di finanza pubblica. Non resta quindi che attendere come si esprimerà a maggio 2016 la Commissione Ue sulla richiesta di flessibilità avanzata dal Governo italiano.

Questo il giudizio emerso nel corso dell’Eurogruppo, riunitosi il 7 marzo 2016.

Sul tavolo del Consiglio dei Ministri delle Finanze dell’Unione c’erano, tra la situazione della Grecia e di Cipro, l’attuazione dei bilanci programmatici di tutti i Paesi alla luce anche delle previsioni economiche formulate dalla Commissione europea il 4 febbraio 2016.

In merito all’andamento del debito pubblico italiano, l’Eurogruppo ha preso atto che il rapporto debito/Pil nella finanza pubblica italiana si è stabilizzato nel 2015 e che è prevista una diminuzione dello stesso a partire dal 2016. Un’osservazione, quest’ultima, fortemente enfatizzata da una Nota diffusa dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, che ha così commentato: “E’ molto positivo che l’Eurogruppo abbia preso atto di una dinamica che vede il debito pubblico stabilizzato già nel 2015 e in diminuzione a partire dal 2016. Per quanto riguarda il bilancio 2016 attendiamo le valutazioni definitive che la Commissione ha annunciato per maggio. Il confronto con la Commissione è continuo e costruttivo. Il nostro obiettivo è di continuare sulla strada che abbiamo imboccato da tempo: da un lato il sostegno alla creazione di occupazione attraverso investimenti e riforme che cambiano in modo strutturale le potenzialità del nostro Paese, dall’altro una gestione responsabile delle finanze pubbliche con l’obiettivo di ridurre progressivamente il debito pubblico”.


Related Articles

Processo tributario: notifica dell’appello

Nella Sentenza n. 20409 del 1° agosto 2018 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame riguarda la notificazione

Appalti: illegittima l’esclusione automatica dell’operatore economico per carenza dei requisiti da parte di un subappaltatore

Nella Sentenza C-395/18 del 30 gennaio 2020 della Corte di Giustizia europea, i Giudici comunitari hanno affermato che l’art. 57,

Deficitarietà strutturale: il Viminale pubblica l’Elenco degli Enti tenuti ad inviare le certificazioni per la dimostrazione del costo dei servizi 2018

Con il Comunicato pubblicato il 14 giugno 2019 sul proprio sito istituzionale, il Ministero dell’Interno ha reso noti gli Elenchi