“Fabbisogni standard” dei Comuni per il 2018: “via libera” del Consiglio dei Ministri all’adozione dei nuovi coefficienti di riparto

“Fabbisogni standard” dei Comuni per il 2018: “via libera” del Consiglio dei Ministri all’adozione dei nuovi coefficienti di riparto

 

Il Consiglio dei Ministri, riunitosi il 2 ottobre 2017 a Palazzo Chigi, ha approvato l’adozione dei nuovi coefficienti di riparto complessivo dei “fabbisogni standard” dei Comuni per il 2018.

Le tipologie di“fabbisogni standard” disciplinati dal Dpcm. in questione ruotano attorno alle seguenti funzioni: Istruzione pubblica, Gestione del territorio e dell’ambiente, Smaltimento rifiuti, Amministrazione e controllo, Polizia locale, Viabilità e territorio, Trasporto pubblico locale, servizi di Asili nido e altri Servizi sociali.

Sul testo, approvato in esame preliminare, si dovrà ora esprimere la Conferenza Stato-Città ed Autonomie locali.


Related Articles

Patto di stabilità: conferimento di capitale ad una Unione di Comuni finalizzato ad opere di edilizia scolastica

Nella Delibera n. 55 del 25 marzo 2015 della Corte dei conti Piemonte, viene chiesto se possa considerarsi esente dal

Finanza locale: in G.U. il Decreto Mef che fissa il costo delle operazioni di mutuo per il primo semestre 2018

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 17 del 22 gennaio 2018 il Dm. Ministero dell’Economia e delle Finanze 16 gennaio

Riscossione: come contabilizzare i proventi degli avvisi di accertamento dei Tributi locali alla luce delle novità introdotte dal Decreto “Rilancio”?

Il testo del quesito: “L’art. 157 del Decreto ‘Rilancio’ prevede testualmente: ‘in deroga a quanto previsto all’art. 3 del Dlgs.