“Fabbisogni standard”: nuovo aggiornamento della lista dei Comuni inadempienti alla compilazione dei Questionari Sose

“Fabbisogni standard”: nuovo aggiornamento della lista dei Comuni inadempienti alla compilazione dei Questionari Sose

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, con il Comunicato 4 settembre 2017 ha pubblicato un nuovo aggiornamento della lista degli Enti inadempienti all’obbligo di restituire alla Sose Spa i Questionari di cui all’art. 5, comma 1, lett. c), del Dlgs. n. 216/10 (“Disposizioni in materia di determinazione dei costi e dei fabbisogni standard di Comuni, Città metropolitane e Province”).

L’Elenco allegato alla comunicazione consente di consultare nuovamente il quadro, aggiornato stavolta alla data del 3 luglio 2017.

Ricordiamo che, con Dm. Mef 11 novembre 2016, pubblicato sulla G.U. n. 273 del 22 novembre 2016, era stata data notizia dell’avvenuta pubblicazione del nuovo Questionario Sose, denominato “FC20U”, rivolto ai Comuni, le Unioni di Comuni e le Comunità montane delle Regioni a Statuto ordinario.

Il Ministero ha evidenziato che agli Enti in questione sarà applicata la sanzione di cui all’art. 5, comma 1, lett. c), del Dlgs. n. 216/10, vale a dire “il blocco, sino all’adempimento dell’obbligo di invio dei Questionari, dei trasferimenti a qualunque titolo erogati all’Ente Locale e la pubblicazione dell’Ente inadempiente nel sito internet del Ministero dell’Interno”.


Related Articles

Adempimenti e versamenti tributari: disposta la sospensione per i Comuni parmensi e piacentini colpiti dall’alluvione

Con Comunicato pubblicato il 16 febbraio 2016 sul proprio sito istituzionale, il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento delle

Personale: stabilizzazioni negli Enti dissestati

Nella Delibera n. 243 dell’8 novembre 2017 della Corte dei conti Campania, un Sindaco ha chiesto un parere riguardante la

Gestioni associate: dal 2016 possibile sciogliere Convenzioni in atto solo se l’esercizio della funzione passa all’Unione dei Comuni

Nella Delibera n. 394 del 10 novembre 2015, la Corte dei conti Lombardia si esprime su una richiesta di parere