Fabbisogno del Settore statale: quello del 2015 è stato inferiore di 15 miliardi rispetto all’anno precedente

Fabbisogno del Settore statale: quello del 2015 è stato inferiore di 15 miliardi rispetto all’anno precedente

 

Un totale di 60 miliardi, 15 in meno rispetto al 2014: è la stima del fabbisogno statale 2015 diffusa dal Mef, con il Comunicato n. 1 del 4 gennaio 2016, sulla base dei dati preliminari del mese di dicembre.

Il risultato positivo è stato motivato dal Dicastero con 2 principali fattori: maggiori incassi fiscali e minori interessi sul debito pubblico. A questi hanno fatto da contraltare maggiori pagamenti per prestazioni sociali, determinati dagli effetti della Sentenza della Corte Costituzionale sull’indicizzazione delle pensioni, nonché maggiori rimborsi fiscali.

Il miglioramento complessivo dell’anno – si legge – sconta anche alcune operazioni di carattere straordinario di natura finanziaria, fra le quali si evidenziano: il riversamento in Tesoreria delle giacenze liquide delle Camere di commercio e l’operazione di riacquisto delle obbligazioni di alcune Regioni con effetti positivi sul debito complessivo delle Amministrazioni pubbliche”.

Nel mese di dicembre 2015 si è realizzato un avanzo pari, in via provvisoria, a circa 2,5 miliardi di Euro, con una riduzione di circa 4.900 milioni rispetto al saldo del corrispondente mese del 2014.


Related Articles

Convenzione con Cooperative sociali di tipo b) ex Legge n. 381/91: serve comunque una preventiva procedura selettiva

  Nel Parere n. 39 del 27 maggio 2015, l’Anac afferma che ai fini dell’affidamento di servizi e forniture alle

Concessione finanziamenti agli Enti Locali: il “Piano sociale di zona”

Nella Sentenza n. 2080 del 19 maggio 2016, il Consiglio di Stato si esprime sulla concessione di un finanziamento agli

Entrate tributarie: gettito di 250.143 milioni di Euro da gennaio a luglio 2019, con +0,5% sullo stesso periodo dell’anno precedente

Con il Comunicato-Stampa n. 155 del 6 settembre 2019, pubblicato sul proprio sito istituzionale, il Ministero dell’Economia e delle Finanze