Fabbisogno statale: nel primo semestre 2016 ha superato di 5,8 miliardi di Euro quello del 2015

Fabbisogno statale: nel primo semestre 2016 ha superato di 5,8 miliardi di Euro quello del 2015

Con il Comunicato-stampa n. 119 del 1° luglio 2016, il Mef ha fornito il consueto aggiornamento dei dati sul fabbisogno statale che, nel primo semestre 2016, è risultato pari a 27,7 miliardi, con un aumento di circa 5.800 milioni rispetto al corrispondente periodo del 2015.

A giugno 2016 si è realizzato un avanzo del Settore statale pari, in via provvisoria, a circa 8.600 milioni, che si confronta con un avanzo di 12.086 milioni del corrispondente mese del 2015.

Tenendo conto della dinamica di incassi e pagamenti prevista per i mesi successivi, il saldo del Settore statale del primo semestre dell’anno è – secondo quanto riferito dal Ministero dell’Economia e delle Finanze – in linea con le previsioni contenute nel Def.

Sul sito del Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato è disponibile il dato definitivo del saldo del Settore statale del mese di maggio 2016.

L’avanzo del settore Statale del mese di giugno evidenzia una riduzione di circa 3.500 milioni rispetto al corrispondente mese del 2015 legata, in larga misura, all’anticipo al mese di maggio dell’anno in corso del versamento degli utili della Banca d’Italia. Questo versamento nel 2015 era stato effettuato a giugno e aveva migliorato il saldo del mese per circa 1.900 milioni.

Gli incassi “F24”, che nel mese di giugno incorporano i risultati dell’autoliquidazione, sono aumentati di oltre 1 miliardo.

I pagamenti per interessi sul debito pubblico hanno evidenziato una riduzione di oltre 600 milioni. Nell’ambito degli altri pagamenti, i minori contributi versati all’Unione Europea sono stati più che compensati dall’aumento delle spese delle Amministrazioni centrali per una diversa calendarizzazione di alcuni pagamenti, nonché dai maggiori prelevamenti netti dai conti di Tesoreria intestati alle Amministrazioni locali.


Related Articles

Società controllata: può partecipare alla gara indetta dall’Ente socio

Nella Sentenza n. 3401 del 5 giugno 2018 Consiglio di Stato, una Società contesta la procedura di gara ristretta indetta

Negoziazione assistita: non può costituire titolo per riconoscere la legittimità di un debito fuori bilancio

La Delibera n. 396 del 10 novembre 2015 della Corte dei conti Lombardia ha ad oggetto la materia della negoziazione

“Ddl. Bilancio 2017”: prorogate e potenziate le detrazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie e riqualificazioni

Art. 2 – Detrazioni fiscali per interventi di ristrutturazione edilizia, riqualificazione antisismica, riqualificazione energetica e acquisto mobili Con l’art. 2