Fabbricati abusivi ubicati su terreno in comproprietà di più persone: sono imponibili Ici solo nei riguardi del soggetto che li ha costruiti

Fabbricati abusivi ubicati su terreno in comproprietà di più persone: sono imponibili Ici solo nei riguardi del soggetto che li ha costruiti

Nella Sentenza n. 753 dell’11 luglio 2017 della Ctp Caltanissetta, la questione controversa in esame riguarda alcuni fabbricati costruiti abusivamente su terreno in comproprietà di più persone. In particolare, nel caso di specie, i Giudici si esprimono sul fatto se tali fabbricati siano imponibili Ici solo nei riguardi del soggetto che ha realizzato l’edificio o di tutti i comproprietari. I Giudici chiariscono che la disciplina sull’accessione, contenuta nell’art. 934 del Cc., si riferisce alle costruzioni su terreno altrui. Alle costruzioni eseguite da uno dei comproprietari su terreno comune non si applica tale disciplina, ma quella in materia di comunione, con la conseguenza che la comproprietà della nuova opera sorge a favore dei condomini non costruttori solo se essa sia stata realizzata in conformità di detta disciplina, cioè con il rispetto delle norme sui limiti del comproprietario all’uso delle cose comuni, affinché le opere abusivamente create non possono reputarsi beni condominiali per accessione ma vanno considerate appartenenti al comproprietario costruttore e rientranti nella sua esclusiva sfera giuridica. Quindi, i fabbricati costruiti abusivamente su terreno in comproprietà di più persone sono imponibili Ici solo nei riguardi del soggetto che ha realizzato l’edificio.


Related Articles

“Sindaci a Montecitorio”: le idee per il futuro del Paese di Amministratori locali e Governo a confronto

Necessità di una maggiore sinergia tra Enti Locali e Parlamento per determinare l’agenda del Governo tenendo conto delle esigenze percepite

Notifica: è nulla se la relata è apposta sul frontespizio della cartella esattoriale

Nella Sentenza n. 5435 del 3 marzo 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono sull’apposizione della

Gare d’appalto: se il criterio scelto è l’offerta economicamente più vantaggiosa alla Commissione spetta l’attività valutativa

Il Consiglio di Stato, con la Sentenza n. 5760 del 21 novembre 2014, si esprime sull’attività valutativa della Commissione in