False dichiarazioni in gara del concorrente: legittimo incassare la cauzione provvisoria

False dichiarazioni in gara del concorrente: legittimo incassare la cauzione provvisoria

Nella Sentenza n. 2829 del 9 giugno 2015 del Consiglio di Stato, Sezione IV, l’incameramento della cauzione provvisoria è stato configurato come misura sanzionatoria costituente conseguenza automatica del provvedimento di esclusione. Inoltre, in sede di attività esegetica riguardante l’interpretazione dell’art. 75, comma 6, del Dlgs. n. 163/06, è stato affermato il principio per cui nell’ipotesi di mancata sottoscrizione del contratto per fatto dell’affidatario deve farsi rientrare non solo il rifiuto di stipulare, ma anche il rilevato difetto dei requisiti generali previsti dall’art. 38 del Dlgs. n. 163/06. Infine, i Giudici rilevano che i criteri di esclusione dalla partecipazione alle gare

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Codice dell’Amministrazione digitale”: modalità per l’accreditamento dei soggetti che si occupano di conservazione digitale dei documenti

L’Agenzia per l’Italia digitale (Agid) ha reso note, con la Circolare n. 65 del 10 aprile 2014, pubblicata sulla G.U.

Incarichi esterni: se non autorizzati, il licenziamento è legittimo

Nella Sentenza n. 28975 del 4 dicembre 2017 della Corte di Cassazione, un dipendente pubblico veniva licenziato per giusta causa

Bando di gara che richiede la sigillatura della busta dell’offerta: mancato adempimento giustifica l’esclusione

  Nella Sentenza n. 2240 del 27 settembre 2017 del Tar Sicilia, la questione controversa in esame riguarda un concorrente