Farmacie: la perimetrazione delle sedi rientra nella esclusiva competenza del Comune

Farmacie: la perimetrazione delle sedi rientra nella esclusiva competenza del Comune

Nella Sentenza n. 6237 del 19 settembre 2019 del Consiglio di Stato, la questione in esame concerneva una Deliberazione comunale che aveva modificato la pianta organica delle Farmacie, in ragione del diverso sviluppo demografico verificatosi nel corso del tempo rispetto alle previsioni. La ricorrente, titolare di una Farmacia, aveva impugnato la Delibera di revisione della pianta organica delle Farmacie, lamentando che con la nuova perimetrazione era stato consentito l’insediamento a un’altra Farmacia nella zona coperta già dal suo “Servizio farmaceutico”.

Nel silenzio della nuova normativa, l’orientamento prevalente della giurisprudenza ha affermato che spetta sempre al“Comune la formazione di uno strumento pianificatorio che sostanzialmente, per finalità, contenuti, criteri ispiratori ed effetti corrisponde alla vecchia pianta organica e che niente vieta di chiamare con lo stesso nome”. Ciò posto, i Giudici hanno chiarito che la finalità di garantire l’accessibilità del “Servizio farmaceutico” non comporta l’obbligo di allocare le nuove sedi in zone disabitate (o quasi) o del tutto sprovviste di farmacie, non dovendo essere evitata la sovrapposizione geografica e demografica con le zone di pertinenza di quelle preesistenti. La revisione della pianta organica presuppone una disfunzionalità della precedente programmazione, tanto da imporre una ridefinizione della collocazione delle sedi farmaceutiche in linea con i dati relativi alla mutata distribuzione della popolazione sul territorio comunale. Per tale motivo, ilpotere-dovere di pianificazione non si esercita una tantum, “ma può (e se del caso deve) essere nuovamente esercitato per apportare gli opportuni aggiornamenti, tenuto conto della visione complessiva del territorio comunale”,per migliorare il grado di accessibilità all’assistenza farmaceutica. Proprio nell’esercizio di tale potere-dovere, l’Ente valuta una serie di fattori, tenendo conto sempre dell’interesse pubblico primariodell’accessibilità all’assistenza farmaceutica. Ne consegue che l’interesse commerciale dei Farmacisti già insediati è destinato ad essere sacrificato “ove si dimostri che è incompatibile con il prevalente perseguimento dell’interesse pubblico”.


Related Articles

“Decreto Irpef” convertito in Legge n. 89/14: le novità che interessano le Società pubbliche locali

Dal Dl. 24 aprile 2014, n. 66, così come convertito (con modificazioni) dalla Legge 23 giungo 2014, n. 89 (d’ora

Trattamento accessorio: modalità di calcolo della riduzione delle risorse prevista dalla “Legge di stabilità 2016”

Nella Delibera n. 2 del 20 gennaio 2017 della Corte dei conti Umbria, un Sindaco chiede un chiarimento sulla corretta

Cassa Depositi e Prestiti: prorogati i termini per aderire alla rinegoziazione dei mutui degli Enti di area vasta   

Con un Comunicato diramato il 3 maggio 2016, Cassa Depositi e Presiti ha annunciato la proroga dei termini per l’adesione

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.