Fattura elettronica: diffuse le Faq dell’Agenzia delle Entrate e sospeso per 2 giorni il funzionamento di “Sdi” per migliorarne i livelli prestazionali

Fattura elettronica: diffuse le Faq dell’Agenzia delle Entrate e sospeso per 2 giorni il funzionamento di “Sdi” per migliorarne i livelli prestazionali

In data 28 novembre 2018 sono state pubblicate le Faq dell’Agenzia delle Entrate in materia di fatture elettroniche, in vista dell’avvio dell’obbligo di emissione generalizzato dal 1° gennaio 2019.Si tratta di una raccolta delle risposte fornite dall’Agenzia nel corso dei 2 convegni organizzati a novembre, racchiuse in una sorta di guida ai problemi pratici ai quali andranno incontro i soggetti titolari di Partita Iva.

Le istruzioni e i chiarimenti principali riguardano le regole per l’emissione delle fatture elettroniche, nonché quelle relative alla conservazione delle fatture“B2B” e “B2C”, e quelle emesse nei confronti dei soggetti in regime dei minimi e forfettari.

I chiarimenti contenuti nelle Faq sulla fatturazione elettronica pubblicate dall’Agenzia delle Entrate nell’Area dedicata del sito ritornano anche sulla tenuta del Registro delle deleghe, obbligo istituito con il Provvedimento 5 novembre 2018 che ha introdotto la possibilità di invio massivo.

Il file con tutte le Faq è disponibile e scaricabile dal sito dell’Agenzia delle Entrate.

Il 29 novembre 2018 è stato inoltre emanato il Provvedimento contenente il differimento temporaneo al 4 dicembre 2018 dei termini di trasmissione al “Sistema di interscambio” – secondo le regole tecniche previste dal Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate 30 aprile 2018 – delle fatture elettroniche e delle note di variazione emesse nei giorni 1° e 2 dicembre 2018.

Il Provvedimento ricorda che l’art. 1, comma 209, della Legge n. 244/2007 stabilisce che l’emissione, la trasmissione, la conservazione e l’archiviazione delle fatture emesse nei rapporti con le Amministrazioni pubbliche di cui all’art. 1, comma 2, della Legge n. 196/2009, nonché con le Amministrazioni autonome, anche sotto forma di nota, conto, parcella e simili, deve essere effettuata esclusivamente in forma elettronica. La predetta disposizione è operativa per le fatture emesse verso tutte le Amministrazioni pubbliche dal 31 marzo 2015.

L’art. 1, comma 3, del Dlgs. n. 127/2015, come da ultimo modificato dall’art. 1, comma 909, della Legge n. 205/2017, dispone che per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti o stabiliti nel territorio dello Stato, e per le relative variazioni, sono emesse esclusivamente fatture elettroniche utilizzando il “Sistema di interscambio”. La predetta disposizione è operativa dal 1° luglio 2018 per le cessioni di benzina o di gasolio destinati ad essere utilizzati come carburanti per motori, ad eccezione delle cessioni di carburante per autotrazione presso gli impianti stradali di distribuzione, e per prestazioni rese da soggetti subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese nel quadro di un contratto di appalto di lavori, servizi o forniture stipulato con un’amministrazione pubblica. Inoltre, per tutte le altre operazioni tra soggetti passivi Iva privati, dal 1° gennaio 2017 è possibile emettere e ricevere fatture elettroniche attraverso il “Sistema di interscambio”.

In previsione del consistente incremento del volume di informazioni che dovrà essere gestito dal “Sistema di interscambio” per effetto dell’estensione, a partire dal 1° gennaio 2019, dell’obbligo di fatturazione elettronica per tutte le operazioni effettuate tra soggetti residenti e stabiliti, il partner tecnologico Sogei Spa, con Nota Protocollo n. 34773 del 28 novembre 2018, ha rappresentato la necessità di effettuare interventi sul “Sistema di interscambio” che possano garantire, tra l’altro, un miglioramento dei livelli prestazionali in termini di gestione dei picchi di carico e di velocità di accesso ai dati e dei tempi di risposta. Per effettuare tali interventi è stato quindi indispensabile prevedere un fermo del “Sistema di interscambio”e l’indisponibilità dei servizi del Portale “Fatture e Corrispettivi” nel fine settimana del 1° dicembre 2018 e 2 dicembre 2018.

Conseguentemente, per garantire il corretto adempimento degli obblighi di fatturazione previsti dall’art. 21, comma 4, del Dpr. n. 633/1972, con il presente Provvedimento, adottato d’intesa con il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato – ai sensi dell’art. 19-octies, comma 4, del Dl. n. 148/2017, convertito con modificazioni dalla Legge n. 172/2017 – viene consentito lo slittamento fino al giorno 4 dicembre 2018 dei termini di trasmissione al “Sistema di interscambio” delle fatture elettroniche e delle note di variazione dei giorni 1° e 2 dicembre 2018.


Related Articles

Trasferimenti erariali: ripartite tra i Comuni interessati le Addizionali comunali sui diritti d’imbarco dei passeggeri aerei

Con il Comunicato 2 maggio 2019, pubblicato sul proprio sito istituzionale, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale,

Stabilizzazione del personale: limiti e vincoli di spesa

Nelle Delibere Corte dei conti Sicilia n. 27 e n. 28 del 1° febbraio 2019 viene chiesto un parere articolato

Rendiconto 2015: approvati i Modelli di certificazione per Province, Città metropolitane, Comuni, Unioni di Comuni e Comunità montane

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 92 del 20 aprile 2016 il Decreto 13 aprile 2016, recante “Approvazione dei Modelli

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.