Fatture elettroniche: gli Enti Locali non devono comunicare di aver effettuato la conservazione

Fatture elettroniche: gli Enti Locali non devono comunicare di aver effettuato la conservazione

Con la recente Risoluzione n. 81/E del 25 settembre 2015 (vedi Entilocalinews n. 37 del 28 settembre 2015) l’Agenzia delle Entrate si è espressa, rispondendo ad una interpello, riguardo all’adempimento della comunicazione della conservazione in modalità elettronica dei documenti rilevanti ai fini tributari disposto dall’art. 35, comma 2, del Dpr. n. 633/72. In particolare, l’Agenzia delle Entrate ha sostenuto che il concetto di “conservazione” dei documenti fiscalmente rilevanti e dei relativi modelli comunicativi (AA7/10 e AA9/12) fanno riferimento alla gestione dei soli documenti cartacei per i quali, sostanzialmente, il concetto di “conservazione” coincide con quello di “deposito” (considerando il processo

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà: determinazione del corrispettivo

Nella Delibera n. 10 del 24 marzo 2015 della Corte dei conti Autonomie, la Sezione si esprime sulla corretta determinazione

“Ddl. Stabilità 2016”: previste la dilazione degli aumenti aliquote di Iva e la diminuzione aliquote Ires e ritenuta sui dividendi

Tra le misure contenute nel Ddl. della Manovra finanziaria 2016, l’art. 3 prevede l’abrogazione del comma 430, art. 1, della

Tasi: il Mef chiarisce le modalità di compilazione della Dichiarazione

È stata pubblicata sul sito web istituzionale del Mef – Dipartimento delle Finanze, la Risoluzione 21 giugno 2017, n. 4/DF,