“Fesr Toscana”: bando per export e internazionalizzazione Pmi

“Fesr Toscana”: bando per export e internazionalizzazione Pmi

Tipo fondo: Por Fesr 2014-2020
Beneficiari: micro, piccole, medie imprese e liberi professionisti.
Tipo finanziamento: 50% a fondo perduto
Risorse complessive: 8.500.000 Euro
Budget del progetto: minimo 10.000 Euro / massimo 150.000 Euro
Apertura bando: 7 giugno 2017
Scadenza: 7 agosto 2017

Descrizione sintetica: La Regione Toscana con il presente Bando, approvato con D.D. n. 7161 del 24 maggio 2017, intende agevolare la realizzazione di progetti di investimento finalizzati all’internazionalizzazione in Paesi esterni all’Unione Europea delle micro, piccole e medie imprese (Mpmi), in attuazione della linea di azione 3.4.2 sub a) e sub b) del PorFesr 2014-2020, in conformità alle disposizioni comunitarie, nazionali e regionali vigenti in materia nonché dei principi di semplificazione e di riduzione degli oneri amministrativi a carico delle imprese. In particolare, l’obiettivo perseguito dalla Regione Toscana consiste nella concessione di agevolazioni sotto forma di contributo in conto capitale, anche nella forma di voucher (limitatamente alle spese rivolte a fornitori nazionali), ai sensi del Regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione 18 dicembre 2013 relativo all’applicazione degli artt. 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti “de minimis”.

Link bando: https://www.sviluppo.toscana.it/internazionalizzazione_2017

 

 


Related Articles

Istat: pubblicato l’aggiornamento dell’Indice sul costo della vita a aprile 2015

  E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 121 del 27 maggio 2015 il Comunicato dell’Istat contenente l’aggiornamento al mese di

Processo tributario: se perde la causa l’Ente impositore paga le spese

La Corte di Cassazione, con l’Ordinanza n. 5842 del 24 marzo 2015, osserva che poiché, ai fini della distribuzione dell’onere

Concessione bar ristoro: l’omesso ricorso a procedure ad evidenza pubblica comporta danno erariale

Nella Sentenza n. 130 del 9 maggio 2018 della Corte dei conti Toscana, la questione oggetto della controversia in esame