Fondi Fesr: prorogata la scadenza per il bando Interreg Italia-Malta con budget di 32,5 milioni di Euro

Fondi Fesr: prorogata la scadenza per il bando Interreg Italia-Malta con budget di 32,5 milioni di Euro

Titolo bando:Interreg Italia-Malta

Tipo fondo: Fesr

Beneficiari: enti pubblici, organismi di diritto pubblico, enti privati purché dotati di personalità giuridica appartenenti alle seguenti aree: Italia: Sicilia – Aree Nuts 3: Palermo, Trapani, Caltanissetta, Agrigento, Ragusa, Siracusa, Enna,Catania e Messina. Malta: Malta, Gozo e Comino.

Tipo finanziamento:Il Programma è co-finanziato all’85% dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e prevede una quota di co–finanziamento nazionale pari al 15%.

Risorse complessive: 32,5 milioni di Euro

Budget del progetto:minimo 500.000 Euro / massimo 2,5 milioni di Euro con durata massima di 36 mesi.

Apertura bando: bando aperto

Scadenza: 08/11/2016

Descrizione sintetica:L’obiettivo generale del programma è quello di contribuire alla crescita intelligente, sostenibile e inclusiva a livello transfrontaliero, assistendo la specializzazione nei settori della ricerca e innovazione, sviluppando la competitività delle micro, piccole e medie imprese, proteggendo l’ambiente e promuovendo azioni per mitigare gli effetti del cambiamento climatico e i rischi naturali e antropici dell’area.

Note:Per ogni progetto è prevista la creazione di un partenariato costituito almeno da 1 partner maltese e 1 italiano

Link bando: http://www.italiamalta.eu/

 


Related Articles

Imu: ripartito il contributo a compensazione del minor gettito destinato ai Comuni colpiti dal sisma del 2012

E’ stato pubblicato, in Gazzetta Ufficiale n. 160 del 10 luglio 2019, il Dm. 2 luglio 2019 del Ministero dell’Interno,

Spese di personale: da escludere le assunzioni finanziate interamente da fondi Ue

Nella Delibera n. 21 del 3 ottobre 2014 la Corte dei conti, Sezione Autonomie, si è espressa sulla possibilità o

Incentivi per le funzioni tecniche: condizioni per l’erogazione

Nella Delibera n. 43 del 7 aprile 2021 della Corte dei conti Emilia Romagna, il quesito richiesto riguarda la possibilità