“Fondo Patrimonio Italia”: Agenzia del Demanio e Invimit incontrano i rappresentanti degli Enti Territoriali

“Fondo Patrimonio Italia”: Agenzia del Demanio e Invimit incontrano i rappresentanti degli Enti Territoriali

 

La Sala Giardini dell’Agenzia del Demanio è stata teatro il 22 luglio sorso di una riunione tecnica con i rappresentanti di Invimit e degli Enti di area vasta finalizzata all’avvio della operatività del Fondo immobiliare dedicato agli immobili delle Province in locazione al Ministero degli Interni, denominato “Fondo Patrimonio Italia”.

Come illustrato in un Comunicato-stampa dal Direttore generale dell’Agenzia del Demanio, Roberto Reggi, questo incontro è servito per gettare le basi di questo progetto che ha il duplice obiettivo di “rigenerare il patrimonio dello Stato, salvando molti immobili pubblici dal degrado in cui versano” e “dare alle Province risorse che serviranno ad abbattere il debito pubblico e a fare investimenti”.

A questo primo appuntamento erano presenti i rappresentanti delle Città Metropolitane di Bari, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Torino e Venezia e delle Province di Ascoli, Brescia, Brindisi, Catania, Catanzaro, Chieti, Imperia, Lucca, Macerata, Mantova, Palermo, Perugia, Piacenza, Potenza, Verbania C.O. e Verona e i rappresentanti di Upi ed Anci.

Stando alla “tabella di marcia” stabilita nel corso dell’incontro, l’operazione dovrebbe giungere a compimento entro il prossimo autunno.


Related Articles

Vincoli assunzionali negli Enti inferiori a 1.000 abitanti

Nella Delibera n. 4 del 1° aprile 2019 della Corte dei conti Autonomie, la Sezione ha chiarito che la determinazione

Autonomia regionale differenziata: i casi di Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna

Come noto, l’art. 116, comma 3, della Costituzione, prevede che la Legge ordinaria possa concedere alle Regioni a Statuto ordinario

Servizio “Parcheggi”: in caso di affidamento “in house”, i dipendenti della Società partecipata possono svolgere la funzione di ausiliari del traffico?

Il testo del quesito: “I dipendenti di una Società partecipata, 100% capitale di Ente Locale, possono, in caso di affidamento