“Fondo per la contrattazione integrativa”: resta fermo il divieto di incremento per Enti di Area vasta in caso di mancato rispetto del Patto

“Fondo per la contrattazione integrativa”: resta fermo il divieto di incremento per Enti di Area vasta in caso di mancato rispetto del Patto

Nella Delibera n. 226 del 6 settembre 2016 della Corte dei conti Lombardia, il quesito formulato riguarda l’individuazione delle conseguenze del mancato raggiungimento degli obiettivi del Patto di stabilità interno in relazione alla costituzione e determinazione del “Fondo per la contrattazione integrativa” previsto dall’art. 40, comma 3-quinquies, del Dlgs. n. 165/01. La norma condiziona la possibilità di destinare risorse aggiuntive alla Contrattazione integrativa all’osservanza della disciplina del Patto di stabilità interno e, pertanto, il mancato raggiungimento degli obiettivi del Patto nel 2015 non consente all’Ente di effettuare alcun incremento, anche se risultante da risorse finanziarie disponibili.

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Osl: ambito temporale di competenza

Nella Delibera n. 107 del 10 maggio 2019 della Corte dei conti Campania, un Sindaco chiede se, ai fini dell’individuazione

Posizioni organizzative: sul conferimento la giurisdizione è del Giudice ordinario

Nella Sentenza n. 290 dell’11 febbraio 2016 del Tar Puglia, Lecce, i Giudici pugliesi affermano che il conferimento di posizioni