“Fondo sperimentale di riequilibrio”: ripartite tra Città metropolitane e Province le risorse 2017

“Fondo sperimentale di riequilibrio”: ripartite tra Città metropolitane e Province le risorse 2017

Con il Comunicato 24 marzo 2017 il Ministero dell’Interno-Direzione centrale della Finanza locale ha reso noto che, con Dm. 14 marzo 2017 il Viminale, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha stabilito il riparto del “Fondo sperimentale di riequilibrio 2017” per le Città metropolitane e le Province delle Regioni a statuto ordinario.

Gli importi, riportati nell’Allegato “A, tengono conto delle riduzioni e dei recuperi operati ai fini del perseguimento degli obiettivi della “spending review”.

Il Provvedimento, attualmente in attesa di pubblicazione in G.U., prevede, anche per l’anno corrente, la conferma delle modalità di riparto del “Fondo sperimentale di riequilibrio” a favore delle Città metropolitane e delle Province ricadenti nei territori delle Regioni a statuto ordinario, già adottate con precedente Decreto 4 maggio 2012.

Gli importi spettanti ad ogni singolo Ente saranno erogati entro il 30 aprile 2017 in un’unica soluzione, salvo che in caso di indisponibilità dell’intera somma. In quest’ultima ipotesi, il saldo sarà versato al conseguimento della disponibilità residua.


Related Articles

Iva: un chiarimento su come recuperare di un credito annuale in caso di omessi versamenti periodici, regolarizzati con pagamenti rateali

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 81 del 27 febbraio 2020, ha fornito chiarimenti in merito

“Riforma Madia”: il punto sull’iter dei vari Decreti attuativi

Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell’8 giugno 2016 del Dlgs. n. 97/2016 (“Revisione e semplificazione delle disposizioni in materia

“Covid-19”: esteso l’obbligo di sottoporsi a tampone anche a chi arriva da Parigi e da altre aree della Francia

Con l’Ordinanza 21 settembre 2020, rubricata “Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19”, pubblicata