Forme associative Comuni: il Viminale avvia una indagine conoscitiva

Forme associative Comuni: il Viminale avvia una indagine conoscitiva

Con il Comunicato 7 febbraio 2018, il Ministero dell’Interno-Direzione centrale della Finanza locale, ha annunciato l’avvio di una indagine conoscitiva che ha per oggetto le forme associative comunali.

L’iniziativa, promossa dall’Osservatorio sulla Finanza e la Contabilità degli Enti Locali, è finalizzata all’acquisizione di dati che consentano di ipotizzare misure che promuovano la gestione associata dei servizi e delle funzioni amministrative. Questa sarebbe infatti, secondo il Viminale, una efficace risposta alle difficoltà indotte dal progressivo ampliamento delle competenze comunali e dal contestuale impoverimento delle risorse a disposizione degli stessi Enti.

L’indagine sarà condotta attraverso un Questionario, reso disponibile nell’Area del “Sistema di trasmissione delle certificazioni degli Enti Locali” (http://finanzalocale.interno.gov.it/apps/tbel.php/login/verify), contenente delle domande sulle forme associative comunali in essere alla data (convenzionale) del 6 febbraio 2018.

I Responsabili dei Servizi Finanziari dei Comuni dovranno compilare i Moduli entro il 30 marzo 2018.

Per eventuali dubbi rimandiamo alla consultazione delle istruzioni per la compilazione del Questionario, allegate al Comunicato in commento.


Related Articles

Lavoro agricolo: al via la cooperazione interministeriale per combattere caporalato e sfruttamento

Con una Nota diffusa il 27 maggio 2016, il Viminale ha reso l’avvio di un progetto dei Ministri dell’Interno, Angelino

Catasto: rideterminazione categoria e rendita immobile

Nella Sentenza n. 415 del 23 giugno 2015 della Ctp Savona, una contribuente ricorre contro il provvedimento con il quale

Iva: con la Decisione dell’Ue, dal 1° luglio 2018 al 31 dicembre 2021 in Italia le fatture cartacee non sono più equiparabili a quelle elettroniche

Con la Decisione di esecuzione n. 2018/593 del 16 aprile 2018, il Consiglio dell’Unione Europea ha accettato la richiesta dell’Italia