Gara richiedente una qualificazione diversa: Principio di rotazione inapplicabile

Gara richiedente una qualificazione diversa: Principio di rotazione inapplicabile

Nella Sentenza n. 1380 del 4 giugno 2019 del Tar Sicilia, i Giudici si esprimono sull’inapplicabilità del Principio di rotazione in caso di gara richiedente una diversa qualificazione. Per prima cosa, i Giudici chiariscono che il Principio di rotazione delle Imprese non è applicabile nel caso in cui l’operatore economico sia stato invitato a differenti gare per le quali era richiesta una diversa qualificazione. Poi, i Giudici precisano che qualora l’Amministrazione abbia individuato gli operatori economici idonei a partecipare ad una procedura negoziata e, pertanto, invitati a partecipare alla stessa, non può negarsi ad un operatore economico non invitato, che sia comunque venuto a conoscenza di una simile procedura e che si ritenga in possesso dei requisiti di partecipazione previsti dalla legge di gara, di presentare la propria offerta. Salvo il potere dell’Amministrazione di escluderlo dalla gara per carenze dell’offerta o degli stessi requisiti di partecipazione ovvero perché l’offerta non è pervenuta tempestivamente (rispetto alla scadenza del termine indicata nella lettera di invito agli operatori invitati) e sempre che la sua partecipazione non comporti un aggravio insostenibile del procedimento di gara e cioè determini un concreto pregiudizio alle esigenze di snellezza e celerità. Una simile interpretazione è conforme, non solo e non tanto al Principio del favor partecipationis, costituendo piuttosto puntuale applicazione dell’altro fondamentale Principio di concorrenza cui devono essere ispirate le procedure ad evidenza pubblica e rappresentando contemporaneamente anche un ragionevole argine, sia pur indiretto e meramente eventuale, al potere discrezionale dell’Amministrazione appaltante di scelta dei contraenti.


Related Articles

Incassi: corretta quantificazione da considerare ai fini del saldo di competenza mista

Nella Delibera n. 76 del 29 marzo 2016 della Corte dei conti Marche, la richiesta di parere ha per oggetto

Le cause di inconferibilità nei gruppi di Società a partecipazione pubblica: un caso

L’Anac interviene sulla materia delle inconferibilità della carica di Amministratore di una Società a partecipazione pubblica con la Delibera n.

Partite Iva: aggiornamento dell’Osservatorio per il mese di novembre 2015

Il Mef – Dipartimento delle Finanze ha pubblicato sul proprio sito, con Comunicato stampa n. 7 dell’11 genniao 2016, l’aggiornamento

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.