Gara telematica e malfunzionamento del Sistema

Gara telematica e malfunzionamento del Sistema

Nella Sentenza n. 2109 del 19 settembre 2018 del Tar Lombardia, la questione controversa in esame riguarda una gara telematica e il malfunzionamento della Piattaforma. I Giudici lombardi chiariscono che, nell’ambito di una procedura ad evidenza pubblica (art. 58 del Dlgs. n. 50/2016) in cui vi è un’unica modalità di presentazione dell’offerta predeterminata dalla stazione appaltante, senza margine di scelta per il concorrente e il cui controllo è sottratto al concorrente stesso, il malfunzionamento del Sistema di presentazione dell’offerta non può andare a danno dell’offerente. Nella logica di leale collaborazione che informa i rapporti tra Amministrazione e amministrato, il concorrente deve farsi parte diligente nel presentare correttamente e tempestivamente la propria offerta, e la stazione appaltante deve mettere l’operatore economico in condizione di partecipare alla gara. Pertanto, a fronte di un malfunzionamento del Sistema telematico di gestione della gara, deve essere data la possibilità all’operatore economico di presentare la propria offerta di modo da garantire la “par condicio competitorum.

Né vale sostenere che rientra nella diligenza del concorrente avviare le procedure di caricamento a Sistema dell’offerta con congruo anticipo rispetto alla scadenza, al fine di minimizzare i rischi di un malfunzionamento della Piattaforma. È infatti palese come la valutazione di “congruità” presenti, almeno di norma, un grado di insuperabile indeterminatezza, tale che si giungerebbe ad una dequotazione del termine perentorio di presentazione delle offerte, con una perdita di certezza delle regole della competizione. Aderendo a tale impostazione, il rispetto del canone della diligenza professionale finirebbe infatti per variare caso per caso, in relazione a valutazioni non predeterminabili a priori dall’operatore economico, che non saprebbe quale sia la condotta in concreto da esso esigibile e quando incorra in negligenza.


Related Articles

Acquisto immobile da destinare a presidio dei Carabinieri: non compete agli Enti Locali

Nella Delibera n. 40 del 14 giugno 2017 della Corte dei conti Basilicata, un Comune ha chiesto di conoscere la

Incentivo per le attività svolte dai dipendenti dall’entrata in vigore dell’art. 13-bis del Dl. n. 90/14 fino a quella del Dlgs. n. 50/16

Nella Delibera n. 177 del 26 ottobre 2017 della Corte dei conti Toscana un Ente, premesso che non ha adottato

Offerta: è integrabile nei termini previsti dal bando

Nella Sentenza n. 1052 del 16 marzo 2016 del Consiglio di Stato, Sezione Quinta,viene accolto il ricorso proposto da una

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.