Garante privacy: rinnovate le Autorizzazioni per i dati sensibili e giudiziari

Il Garante per la protezione dei dati personali ha rinnovato le 6 Autorizzazioni generali relative al trattamento dei dati sensibili e giudiziari.

Le Autorizzazioni, che saranno efficaci dal 1° gennaio al 31 dicembre 2014, sono state pubblicate sulla G.U. n. 302 del 27 dicembre 2013 e non hanno introdotto – per gli Enti Locali – alcuna significativa novità rispetto agli anni passati. I provvedimenti riguardano i rapporti di lavoro, i dati sulla salute e la vita sessuale, le Associazioni e le Fondazioni, i professionisti, le attività creditizie e assicurative, il Settore turistico, l’elaborazione dei dati effettuata per conto terzi, gli investigatori privati e il trattamento dei dati di carattere giudiziario.

Nello specifico, le Autorizzazioni che saranno in vigore fino a fine anno – ed i cui testi sono consultabili sul sito www.entilocaliweb.it – sono:

– Autorizzazione n. 1/13 – “Autorizzazione al trattamento dei dati sensibili nei rapporti di lavoro”;

– Autorizzazione n. 2/13 – “Autorizzazione al trattamento dei dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale”;

– Autorizzazione n. 3/13 – “Autorizzazione al trattamento dei dati sensibili da parte degli Organismi di tipo associativo e delle Fondazioni”;

– Autorizzazione n. 4/13 – “Autorizzazione al trattamento dei dati sensibili da parte dei liberi professionisti”;

– Autorizzazione n. 5/13 – “Autorizzazione al trattamento dei dati sensibili da parte di diverse categorie di titolari”;

– Autorizzazione n. 6/13 – “Autorizzazione al trattamento dei dati sensibili da parte degli investigatori privati”.


Tags assigned to this article:
privacy

Related Articles

“Privacy”: norme comunitarie in dirittura d’arrivo

Il Parlamento europeo e il Consiglio Ue hanno definitivamente condiviso il testo della Direttiva e del Regolamento sulla protezione dei

Processo tributario: l’esimente da sanzioni non può essere rilevata d’ufficio

  Nella Sentenza n. 12768 del 19 giugno 2015, la Corte di Cassazione afferma che la generica richiesta di accertamento

“Contributo di costruzione”: giurisdizione Giudice amministrativo

Nella Sentenza n. 4123 del 5 luglio 2018 del Consiglio di Stato, la questione controversa in esame riguarda la decorrenza

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.