Gare Pubblica Amministrazione: nella fase contrattuale la giurisdizione passa al Giudice ordinario

Gare Pubblica Amministrazione: nella fase contrattuale la giurisdizione passa al Giudice ordinario

Nell’Ordinanza n. 16418 del 4 luglio 2017 la Corte di Cassazione chiarisce che spetta al Giudice amministrativo, nelle procedure a base concorsuale ed aventi ad oggetto la conclusione di contratti da parte della Pubblica Amministrazione, la sola cognizione degli atti e dei comportamenti posti in essere prima dell’aggiudicazione e nella fase immediatamente successiva (cioè, la fase compresa tra l’aggiudicazione stessa e la stipula del contratto, in essa inclusa la revoca dell’aggiudicazione).

Nella successiva fase contrattuale, introdotta sul piano genetico dalla stipula del contratto e proseguita su quello funzionale con l’attuazione del rapporto negoziale, i contraenti, trovandosi in condizione paritetica e controvertendo su diritti soggettivi, sono assoggettati alla giurisdizione del Giudice ordinario quanto alle controversie insorte in tema di requisiti, effetti e patologie negoziali, siano esse inerenti tanto al momento genetico, quanto a quello funzionale del contratto.

La ratio di tale principio si rinviene nella ormai compiuta preclusione, a seguito della stipula della convenzione negoziale, di qualsivoglia riesame della precedente procedura, senza che l’atto amministrativo sia stato impugnato nella sede e nei modi di legge, in opposta ipotesi dandosi inammissibilmente e surrettizio ingresso ad un vero e proprio artificio processuale costituito dall’impugnazione di un atto di diniego di domanda di annullamento in autotutela.


Related Articles

Elezioni amministrative ed europee del 25 maggio 2014: emanata una Circolare della Finanza locale sulle spese elettorali

La Direzione centrale per la Finanza locale presso il Ministero dell’Interno, in considerazione del fatto che gli oneri derivanti dai

Impianti pubblicitari: determinazione dei criteri per l’applicazione del canone concessorio

Nella Sentenza n. 21545 del 18 settembre 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame riguarda il Canone

Permessi per visite nel nuovo Ccnl. “Funzioni locali”: i chiarimenti dell’Aran

L’art. 35 del nuovo Ccnl. Funzioni locali ha introdotto un istituto del tutto nuovo e applicabile a partire dal 22