Gare Pubblica Amministrazione: nella fase contrattuale la giurisdizione passa al Giudice ordinario

Gare Pubblica Amministrazione: nella fase contrattuale la giurisdizione passa al Giudice ordinario

Nell’Ordinanza n. 16418 del 4 luglio 2017 la Corte di Cassazione chiarisce che spetta al Giudice amministrativo, nelle procedure a base concorsuale ed aventi ad oggetto la conclusione di contratti da parte della Pubblica Amministrazione, la sola cognizione degli atti e dei comportamenti posti in essere prima dell’aggiudicazione e nella fase immediatamente successiva (cioè, la fase compresa tra l’aggiudicazione stessa e la stipula del contratto, in essa inclusa la revoca dell’aggiudicazione).

Nella successiva fase contrattuale, introdotta sul piano genetico dalla stipula del contratto e proseguita su quello funzionale con l’attuazione del rapporto negoziale, i contraenti, trovandosi in condizione paritetica e controvertendo su diritti soggettivi, sono assoggettati alla giurisdizione del Giudice ordinario quanto alle controversie insorte in tema di requisiti, effetti e patologie negoziali, siano esse inerenti tanto al momento genetico, quanto a quello funzionale del contratto.

La ratio di tale principio si rinviene nella ormai compiuta preclusione, a seguito della stipula della convenzione negoziale, di qualsivoglia riesame della precedente procedura, senza che l’atto amministrativo sia stato impugnato nella sede e nei modi di legge, in opposta ipotesi dandosi inammissibilmente e surrettizio ingresso ad un vero e proprio artificio processuale costituito dall’impugnazione di un atto di diniego di domanda di annullamento in autotutela.


Related Articles

Clausole di limitazione territoriale: sono nulle per violazione del principio di non discriminazione

Nel Parere n. 107 del 17 giugno 2015, l’Anac chiarisce che i bandi di gara non possono stabilire limitazioni di

Indennità di funzione dei Sindaci: previsione di incremento nei Comuni fino a 3.000 abitanti

Nella Delibera n. 129 del 28 settembre 2020 della Corte dei conti Lombardia, il Sindaco di un Ente inferiore a

“Irpef”: detraibili le spese veterinarie certificate da scontrino “parlante”

Con la Risoluzione n. 24/E del 27 febbraio 2017, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla detrazione ai