Gare pubbliche: rimessa alla Corte di Giustizia Ue la decisione in merito all’impugnazione degli atti da parte di chi non ha partecipato

Gare pubbliche: rimessa alla Corte di Giustizia Ue la decisione in merito all’impugnazione degli atti da parte di chi non ha partecipato

Nella Sentenza n. 263 del 29 marzo 2017 del Tar Liguria, i Giudici si esprimono sulla legittimazione ad impugnare gli atti di gara. In particolare, i Giudici liguri chiariscono che deve essere rimessa alla Corte di Giustizia Ue la questione se gli artt. 1 e 2, della Direttiva n. 89/665 Cee, avente ad oggetto il coordinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative relative all’applicazione delle procedure di ricorso in materia di aggiudicazione degli appalti pubblici di forniture e di lavori, ostino ad una normativa nazionale che riconosca la possibilità di impugnare gli atti di una procedura di gara ai soli

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Fabbisogni standard” dei Comuni per il 2018: “via libera” del Consiglio dei Ministri all’adozione dei nuovi coefficienti di riparto

  Il Consiglio dei Ministri, riunitosi il 2 ottobre 2017 a Palazzo Chigi, ha approvato l’adozione dei nuovi coefficienti di

Organo di revisione nominato in data successiva all’entrata in vigore del Dm. 21 dicembre 2018

Nella Delibera n. 75 del 25 settembre 2020 della Corte dei conti Molise, viene chiesto un parere avente ad oggetto

Trasferimenti erariali: ripartiti i contributi relativi alle fusioni di Comuni

  Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, con il Comunicato 2 maggio 2016, ha messo a disposizione