Graduatoria concorsuale: se il Giudice la annulla, il provvedimento vale solo per i candidati che abbiano fatto ricorso

Graduatoria concorsuale: se il Giudice la annulla, il provvedimento vale solo per i candidati che abbiano fatto ricorso

Nella Sentenza n. 3005 del 6 luglio 2016 del Consiglio di Stato, Sezione Terza, i Giudici statuiscono che qualora il Giudice amministrativo annulli una graduatoria concorsuale, accogliendo il ricorso di chi abbia lamentato l’illegittimità dei criteri applicati per la redazione della graduatoria, a parità di punteggio tra i candidati, l’annullamento si deve intendere disposto nei soli confronti di coloro che abbiano proposto il ricorso, poi accolto. Infatti, per la scindibilità delle posizioni dei candidati, nei confronti di coloro che non abbiano proposto ricorso la graduatoria è suscettibile di divenire inoppugnabile, per acquiescenza.


Related Articles

Co.co.co. nelle Pubbliche Amministrazioni: il quadro dei limiti alla luce dei recenti interventi normativi

1) Il quadro normativo L’art. 1, comma 7, della Legge 10 dicembre 2014, n. 183, ha delegato il Governo ad

Ente pubblico locale e divieto di assunzione a tempo indeterminato in assenza di procedura concorsuale

Nella Sentenza n. 12421 dell’11 maggio 2021 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte rileva che per le Società “in

Ici: errore di classamento catastale da parte dell’Ufficio

Nella Sentenza n. 4954 del 2 marzo 2018 della Corte di Cassazione, una Società impugnava l’avviso di accertamento Ici per