Ici: assenza di soggettività passiva per il coniuge cui è riconosciuto solo un atipico diritto personale di godimento dell’immobile

Ici: assenza di soggettività passiva per il coniuge cui è riconosciuto solo un atipico diritto personale di godimento dell’immobile

Nella Sentenza n. 2675 del 10 febbraio 2016 della Corte di Cassazione, in tema di Ici, il coniuge affidatario dei figli al quale sia assegnata la casa di abitazione posta nell’immobile di proprietà (anche in parte) dell’altro coniuge non è soggetto passivo dell’Imposta per la quota dell’immobile stesso sulla quale non vanti il diritto di proprietà ovvero un qualche diritto reale di godimento, come previsto dall’art. 3, del Dlgs. n. 504/92.

Con il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa coniugale in sede di separazione personale o di divorzio, infatti, viene riconosciuto al coniuge un atipico diritto personale di godimento e

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Notifica cartella: riproduzione fotografica  

Nella Sentenza n. 1673/01/14 della Ctr Catanzaro, un contribuente si è opposto alla comunicazione di avvenuta iscrizione d’ipoteca per la

Fatturazione elettronica: è possibile indicare più di un Cig e un Cup in un’unica fattura?

Il testo del quesito: “C’è la possibilità nell’emissione della fattura elettronica di inserire due o più Cig e Cup in

“Processo tributario telematico”: ormai prossimo l’avvio in Veneto ed in Emilia Romagna

Con Nota Ifel 1° dicembre 2016, il Mef rende noto l’avvio, a partire dal 15 dicembre 2016, del “Processo tributario