Ici: assenza di soggettività passiva per il coniuge cui è riconosciuto solo un atipico diritto personale di godimento dell’immobile

Ici: assenza di soggettività passiva per il coniuge cui è riconosciuto solo un atipico diritto personale di godimento dell’immobile

Nella Sentenza n. 2675 del 10 febbraio 2016 della Corte di Cassazione, in tema di Ici, il coniuge affidatario dei figli al quale sia assegnata la casa di abitazione posta nell’immobile di proprietà (anche in parte) dell’altro coniuge non è soggetto passivo dell’Imposta per la quota dell’immobile stesso sulla quale non vanti il diritto di proprietà ovvero un qualche diritto reale di godimento, come previsto dall’art. 3, del Dlgs. n. 504/92.

Con il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa coniugale in sede di separazione personale o di divorzio, infatti, viene riconosciuto al coniuge un atipico diritto personale di godimento e

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Spesometro 2017”: occorre comunicare anche i corrispettivi?

Il testo del quesito “In merito all’imminente scadenza relativa alla comunicazione dati fatture, in quanto Comune vorremmo sapere se: 1)

Contenzioso tributario: la firma illeggibile sull’atto di appello non basta per renderlo nullo

Nell’Ordinanza n. 15743 del 28 luglio 2016, la Corte di Cassazione rileva che, in tema di contenzioso tributario, gli artt.

Ici: non basta una collaborazione con le attività di natura agricole altrui per beneficiare degli sgravi riservati ai coltivatori diretti

Nell’Ordinanza n. 3531 del 14 febbraio 2018 della Corte di Cassazione, un coltivatore diretto regolarmente iscritto negli Elenchi comunali previsti