Ici: cartella esattoriale non preceduta da motivato avviso di accertamento deve essere motivata in modo congruo

Ici: cartella esattoriale non preceduta da motivato avviso di accertamento deve essere motivata in modo congruo

Nella Sentenza n. 8553 del 29 aprile 2016, la Corte di Cassazione afferma che la cartella esattoriale che non sia stata preceduta da un motivato avviso di accertamento, deve essere motivata in modo congruo, sufficiente ed intellegibile. Tale obbligo derivando dai principi di carattere generale prescritti, per ogni provvedimento amministrativo, dall’art. 3 della Legge n. 241/90, e recepiti, per la specifica materia tributaria, dall’art. 7 della Legge n. 212/00, ove la cartella non segua uno specifico atto impositivo già notificato al contribuente, ma costituisca il primo ed unico atto con il quale l’Ente impositore esercita la pretesa tributaria, essa deve essere motivata alla stregua di un atto propriamente impositivo, e contenere, pertanto, tutti gli elementi indispensabili per porre il contribuente in condizione di effettuare il necessario controllo sulla correttezza dell’imposizione. Qualora invece la cartella esattoriale sia stata preceduta dalla notifica di altro atto propriamente impositivo, essa non può venire annullata per vizi di motivazione quand’anche non contenga l’indicazione del contenuto essenziale dell’atto presupposto. Sempre che quest’ultimo risulti conosciuto dal contribuente che l’abbia autonomamente impugnato.


Related Articles

Tributi armonizzati: obbligo di contraddittorio preventivo all’emissione dell’atto

Nella Sentenza n. 21071 dell’11 settembre 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità statuiscono che, in tema di

“Conferenza unificata”: in G.U. l’Intesa relativa alla disciplina unitaria in materia di fiere

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 52 del 4 marzo 2014 il Documento con il quale è stata sottoscritta l’Intesa

Politiche di bilancio: la Commissione Ue non richiede sforzi aggiuntivi al Governo

Con il Comunicato 13 maggio 2015, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha dichiarato che i  giudizi contenuti nelle raccomandazioni