Ici: esenzione per le attività sportive solo se esercitate direttamente e non in via mediata

Ici: esenzione per le attività sportive solo se esercitate direttamente e non in via mediata

Nella Sentenza n. 894 del 25 agosto 2015 della Ctr Liguria, i Giudici rilevano che l’art. 7 comma 1, lett. i), del Dlgs. n. 504/92 prevede l’esenzione da Ici, per gli immobili utilizzati dagli Enti non aventi ad oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciali, purché destinati esclusivamente allo svolgimento delle attività ivi indicate, tra cui quelle sportive, alla duplice condizione dell’utilizzazione diretta dei medesimi e dell’esclusiva loro destinazione ad attività peculiari che non siano produttive di reddito. Dunque, gli immobili devono essere destinati alle attività sportive, nel senso che nell’immobile, sia effettivamente realizzata un’attività consistente, in via diretta e non mediata, nella pratica, a scopo ricreativo o agonistico, di uno sport, non essendo quindi sufficiente l’esercizio di attività di tipo organizzativo o gestionale. Pertanto, nel caso in esame, appare assai difficile immaginare lo svolgimento di un’attività sportiva in un ufficio di Categoria A/10.

Ctr Liguria-Sentenza n. 894 del 25 agosto 2015

 


Related Articles

Conto giudiziale reso da un Agente contabile: i chiarimenti della Corte Valle d’Aosta

  Nella Sentenza n. 9 del 25 giugno 2015 della Corte dei conti Valle d’Aosta, oggetto della controversia è il

Invio telematico delle Dichiarazioni: ricomprese anche le Associazioni e le Società tra Avvocati tra i soggetti abilitati

L’Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento 10 marzo 2020, ha proceduto all’individuazione di nuove tipologie di utenti incaricati della trasmissione

Tarsu: è nulla la cartella di pagamento senza avviso di accertamento

Nella Sentenza n. 1067 del 4 febbraio 2016 del Ctp Milano, i Giudici milanesi statuiscono che è nulla la cartella