Ici: esenzione per le attività sportive solo se esercitate direttamente e non in via mediata

Ici: esenzione per le attività sportive solo se esercitate direttamente e non in via mediata

Nella Sentenza n. 894 del 25 agosto 2015 della Ctr Liguria, i Giudici rilevano che l’art. 7 comma 1, lett. i), del Dlgs. n. 504/92 prevede l’esenzione da Ici, per gli immobili utilizzati dagli Enti non aventi ad oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciali, purché destinati esclusivamente allo svolgimento delle attività ivi indicate, tra cui quelle sportive, alla duplice condizione dell’utilizzazione diretta dei medesimi e dell’esclusiva loro destinazione ad attività peculiari che non siano produttive di reddito. Dunque, gli immobili devono essere destinati alle attività sportive, nel senso che nell’immobile, sia effettivamente realizzata un’attività consistente, in via diretta e non mediata, nella pratica, a scopo ricreativo o agonistico, di uno sport, non essendo quindi sufficiente l’esercizio di attività di tipo organizzativo o gestionale. Pertanto, nel caso in esame, appare assai difficile immaginare lo svolgimento di un’attività sportiva in un ufficio di Categoria A/10.

Ctr Liguria-Sentenza n. 894 del 25 agosto 2015

 


Related Articles

Trasferimenti erariali: assegnate le risorse destinate agli Enti in “Predissesto”

È stato pubblicato nella G.U. n. 103 del 30 aprile 2021 il Decreto 16 aprile 2021 del Ministro dell’Interno, emanato

“Leasing in costruendo”: natura e modalità di contabilizzazione delle operazioni attivate prima del 1° gennaio 2015

Nella Delibera n. 26 del 28 luglio 2016 della Corte dei conti Autonomie, la Sezione si esprime su come le

Criterio invarianza di spesa: non comporta in sé la preclusione di un eventuale aggravio di spesa, purché questo sia “neutralizzato”

  Nella Delibera n. 127 del 14 settembre 2017 della Corte dei conti Abruzzo, viene chiesto un parere sulla corretta