Ici, Imu e Tasi: macchinari soggetti al pagamento

Ici, Imu e Tasi: macchinari soggetti al pagamento

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 3166 del 18 febbraio 2015, ha affermato che, in virtù della combinazione della normativa fiscale e di quella codicistica, tutte le componenti che contribuiscono in via ordinaria ad assicurare, ad una unità immobiliare, una specifica autonomia funzionale e reddituale stabile nel tempo, sono da considerare elementi idonei a descrivere l’unità stessa ed influenti rispetto alla quantificazione della relativa rendita catastale, come da ultimo confermato dalla norma d’interpretazione autentica contenuta nell’art. 1, comma 244, della Legge n. 90/14. Quindi, in base al principio di diritto sopra esposto, i Giudici di legittimità hanno statuito che anche i macchinari sono soggetti all’imposizione fiscale ed al pagamento di Ici, Imu e Tasi. Pertanto, alla determinazione della rendita catastale, partecipano un complesso di elementi ritenuti funzionalmente connessi, costituiti da impianti e macchinari, che fanno parte dell’immobile.

Corte di Cassazione, Sentenza n. 3166 del 18 febbraio 2015


Related Articles

Rendiconto economico dello Stato: l’esercizio 2014 si è chiuso con un ulteriore peggioramento dei saldi

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, ha diffuso il 31 agosto 2015 sul

Mutui Enti Locali: in G.U. i tassi da applicare su quelli a tasso variabile per il I semestre 2017

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 34 del 10 febbraio 2017 il Decreto 31 gennaio 2017, con il quale il

Imu: contratto di locazione finanziaria

Nell’Ordinanza n. 18393 del 30 giugno 2021 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte chiarisce che l’obbligazione d’imposta (art. 9, comma