Ici: in caso di occupazione di urgenza il proprietario è comunque soggetto passivo

Ici: in caso di occupazione di urgenza il proprietario è comunque soggetto passivo

Nella Sentenza n. 20796 del 14 ottobre 2016 della Corte di Cassazione, la questione controversa concerne l’obbligo del pagamento dell’Ici a seguito di occupazione d’urgenza a cui si associa la perdita di possesso per effetto del Decreto di occupazione, qualora, come nel caso di specie, antecedente alla stipula del rogito notarile di cessione volontaria del terreno.

La Suprema Corte chiarisce come, ai fini della soggezione all’Ici, l’occupazione di urgenza, per il suo carattere coattivo, non priva il proprietario del possesso dell’immobile in quanto il bene, finché non interviene il Decreto di esproprio o comunque l’ablazione,continua ad appartenere a lui, tanto che per tal motivo gli si riconosce un’indennità per l’occupazione, mentre nell’occupante, che riconosce la proprietà in capo all’espropriando, manca la cosiddetta “animus rem sibi habendi”, onde lo stesso è un mero detentore. Quindi, il proprietario è soggetto passivo dell’Ici, ed obbligato a presentare la relativa Dichiarazione, anche se l’immobile è detenuto da terzi. Solamente nel caso in cui la Società proprietaria del terreno abbia perso la disponibilità dell’area con l’irreversibile trasformazione del fondo, a seguito della realizzazione dell’opera pubblica, si verifica lo spossessamento del bene a favore della Pubblica Amministrazione, non solo sotto il profilo materiale, ma anche sotto il profilo dell’animus, non avendo il possessore la possibilità di ripristinare il contatto materiale con la cosa quando lo voglia.


Related Articles

Rifiuti speciali: criterio della prossimità

Nella Sentenza n. 5025 del 1°luglio 2021 del Consiglio di Stato, i Giudici affermano che pur dovendosi escludere una soluzione

Trasparenza: ultimi giorni disponibili per usare l’applicativo per gli adempimenti introdotti dalla “Legge Anticorruzione”

L’Autorità nazionale Anticorruzione ha reso noto, in data 30 gennaio 2015, che per agevolare gli adempimenti di cui all’art. 1,

Imu: fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali previsti

Nella Sentenza n. 225 del 19 maggio 2021 della Ctp Ancona, i Giudici rilevano che le norme che stabiliscono esenzioni o