Ici: la tassazione delle aree scoperte

Ici: la tassazione delle aree scoperte

Nell’Ordinanza n. 10287 del 12 aprile 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che in tema d’Ici, sono assoggettate al pagamento dell’imposta in quanto non classificabili in categoria “E”, le aree cd. scoperte che risultino indispensabili al concessionario del bene demaniale per lo svolgimento della sua attività, atteso che il presupposto dell’imposizione è che ogni area sia suscettibile di costituire un’autonoma unità immobiliare, potenzialmente produttiva di reddito.

Peraltro, la Suprema Corte precisa che in tema di classamento, ai sensi dell’art. 2, comma 40, del Dl. n. 262/2006, nelle unità immobiliari censite nelle categorie catastali “E/1”, “E/2”, “E/3”, “E/4”, “E/S”, “E/6”, ed “E/9” non possono essere compresi immobili o porzioni di immobili destinati ad uso commerciale, industriale, ed ufficio privato ovvero ad usi diversi, qualora gli stessi presentino autonomia funzionale e reddituale, e, cioè, alla luce del combinato disposto degli artt. 5 del Rdl. n. 652/1939 e 40 del Dpr. n. 1142/1949, immobili per sé stessi utili o atti a produrre un reddito proprio, anche se utilizzati per le finalità istituzionali dell’ente titolare.

Infine, i Giudici di legittimità osservano che l’art. 3, comma 2, del Dlgs. n. 504/1992, modificato dall’art. 18, comma 3, della Legge n. 388/2000, avrebbe l’effetto di assoggettare a imposta esattamente le aree “scoperte” e la funzione di estendere il pagamento dell’Ici a tutti i concessionari di aree demaniali coperte o scoperte, a prescindere dalla titolarità di diritti reali sulle stesse.

Ne consegue che le aree “scoperte” demaniali affidate in concessione, in quanto unità immobiliari autonome potenzialmente produttive di reddito che non possono essere inquadrate catastalmente nella categoria E, come i terminal portuali, sono soggette ad Ici. Infatti, questi immobili hanno un’autonomia funzionale e reddituale e sono indispensabili al concessionario dei beni demaniali per lo svolgimento della sua attività.

 


Related Articles

Unioni civili: per la Corte Costituzionale la scelta di un cognome comune non modifica la scheda anagrafica individuale

La funzione del “cognome comune”, scelto dalle parti una unione civile come cognome d’uso senza valenza anagrafica, non determina alcuna

Personale P.A.: arriva la stipula definitiva del Contratto “Funzioni locali” 2016-2018

Con una Nota pubblicata il 22 maggio 2018 sul proprio sito istituzionale, l’Anci ha confermato l’avvenuta stipula definitiva, in data

Servizio farmaceutico: scelta dell’Amministrazione della zona del territorio comunale in cui ubicare le sedi farmaceutiche

Nella Sentenza n. 2184 del 15 ottobre 2015 del Tar Lombardia, i Giudici statuiscono che la scelta con cui l’Amministrazione

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.