Ici: l’area classificata edificabile dal Prg è soggetta al pagamento dell’Imposta anche in presenza di vincoli edificatori

Ici: l’area classificata edificabile dal Prg è soggetta al pagamento dell’Imposta anche in presenza di vincoli edificatori

Nella Sentenza n. 575 del 9 giugno 2016 della Ctr dell’Aquila, i Giudici statuiscono che, in materia di Ici, a seguito dell’entrata in vigore dell’art. 11-quaterdecies, comma 16, del Dl. n. 203/05, convertito con modificazioni dalla Legge n. 248/05, e dell’art. 36, comma 2, del Dl. n. 223/06, convertito con modificazioni dalla Legge n. 248/06, che hanno fornito l’interpretazione autentica dell’art. 2, comma 1, lett. b), del Dlgs. n. 504/92, l’edificabilità di un’area, ai fini dell’applicabilità del criterio di determinazione della base imponibile fondato sul valore venale deve essere desunta dalla qualificazione ad essa attribuita nel Piano regolatore generale adottato dal Comune, indipendentemente dall’approvazione dello stesso da parte della Regione e dall’adozione di strumenti urbanistici attuativi.

L’inapplicabilità del criterio fondato sul valore catastale dell’immobile impone peraltro di tener conto, nella determinazione della base imponibile, della maggiore o minore attualità delle sue potenzialità edificatorie e, quindi, la presenza di vincoli o destinazioni urbanistiche che condizionino in concreto l’edificabilità del suolo, pur non sottraendo l’area su cui insistono al regime fiscale proprio dei suoli edificabili, incide sulla valutazione del relativo valore venale e, conseguentemente, sulla base imponibile.

Pertanto un’area edificabile, in quanto classificata come tale dal Prg, è comunque soggetta al pagamento dell’Imposta anche se di fatto non edificabile per l’esistenza di vincoli. La presenza di vincoli edificatori su di un’area edificabile incide solo sul valore venale dell’area e di conseguenza sulla base imponibile per il relativo pagamento dell’Imposta, ma non sull’obbligatorietà del Tributo da versare.


Related Articles

Dichiarazione Imu/Tasi: il rilascio delle nuove specifiche tecniche è fissato per il 10 luglio 2018

È stato pubblicato sul sito web istituzionale del Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento delle Finanze, il Comunicato 13

Trasferimento contanti: in vigore dal 1° luglio 2020 la nuova soglia di 2.000 Euro

A partire dal 1° luglio 2020, il divieto di trasferimento del denaro contante e di titoli al portatore, sia in

“Decreto Rilancio”: Gualtieri, “Venerdì il primo miliardo di Euro sarà trasferito agli Enti Locali”

“Il lavoro è stato ultimato, e giàvenerdì il primo miliardo di Euro sarà trasferito adi nostri Enti Locali, con criteri