Ici: l’area classificata edificabile dal Prg è soggetta al pagamento dell’Imposta anche in presenza di vincoli edificatori

Ici: l’area classificata edificabile dal Prg è soggetta al pagamento dell’Imposta anche in presenza di vincoli edificatori

Nella Sentenza n. 575 del 9 giugno 2016 della Ctr dell’Aquila, i Giudici statuiscono che, in materia di Ici, a seguito dell’entrata in vigore dell’art. 11-quaterdecies, comma 16, del Dl. n. 203/05, convertito con modificazioni dalla Legge n. 248/05, e dell’art. 36, comma 2, del Dl. n. 223/06, convertito con modificazioni dalla Legge n. 248/06, che hanno fornito l’interpretazione autentica dell’art. 2, comma 1, lett. b), del Dlgs. n. 504/92, l’edificabilità di un’area, ai fini dell’applicabilità del criterio di determinazione della base imponibile fondato sul valore venale deve essere desunta dalla qualificazione ad essa attribuita nel Piano regolatore generale adottato dal Comune, indipendentemente dall’approvazione dello stesso da parte della Regione e dall’adozione di strumenti urbanistici attuativi.

L’inapplicabilità del criterio fondato sul valore catastale dell’immobile impone peraltro di tener conto, nella determinazione della base imponibile, della maggiore o minore attualità delle sue potenzialità edificatorie e, quindi, la presenza di vincoli o destinazioni urbanistiche che condizionino in concreto l’edificabilità del suolo, pur non sottraendo l’area su cui insistono al regime fiscale proprio dei suoli edificabili, incide sulla valutazione del relativo valore venale e, conseguentemente, sulla base imponibile.

Pertanto un’area edificabile, in quanto classificata come tale dal Prg, è comunque soggetta al pagamento dell’Imposta anche se di fatto non edificabile per l’esistenza di vincoli. La presenza di vincoli edificatori su di un’area edificabile incide solo sul valore venale dell’area e di conseguenza sulla base imponibile per il relativo pagamento dell’Imposta, ma non sull’obbligatorietà del Tributo da versare.


Related Articles

Ici: la Ctr Toscana chiarisce i casi in cui è applicabile l’esenzione per l’abitazione principale

Nella Sentenza n. 1493 del 24 luglio 2018 della Ctr Toscana, i Giudici si esprimono sull’esenzione ai fini Ici dell’abitazione

Pil: le stime Istat indicano per il 2021 un rialzo del 6,5%, e per il 2022 l’obiettivo del Governo è superare il 4% di crescita

Le stime dell’Istat confermano che nel 2021 il Pil è cresciuto del 6,5%, recuperando gran parte della caduta registrata nel

Ici: l’immobile senza un contratto registrato che dimostri l’esistenza della locazione da almeno 2 anni è soggetto ad aliquota maggiorata

Nella Sentenza della Corte di Cassazione n. 23926 dell’11 ottobre 2017, n. 23926, oggetto della controversia è un Regolamento comunale