Ici: un’area è qualificabile come “pertinenza” se sussiste vincolo d’asservimento durevole, funzionale o ornamentale con il fabbricato

Ici: un’area è qualificabile come “pertinenza” se sussiste vincolo d’asservimento durevole, funzionale o ornamentale con il fabbricato

Nella Sentenza n. 8367 del 27 aprile 2016, la Corte di Cassazione ritiene legittimi gli avvisi di accertamento Ici emessi da un Comune nei confronti di aree fabbricabili che il contribuente riteneva non assoggettabili all’Imposta in quanto pertinenziali all’abitazione.

Infatti, la Suprema Corte precisa che, affinché un’area sia qualificabile come “pertinenza” e sia, come tale, esente dalla tassazione Ici, deve sussistere un vincolo d’asservimento durevole, funzionale o ornamentale delle aree al fabbricato, con il fine di migliorarne le condizioni d’uso, la funzionalità e il valore. Infatti, in materia fiscale, attesa l’indisponibilità del rapporto tributario, la prova dell’oggettivo asservimento pertinenziale che grava sul contribuente deve essere valutata con maggior rigore rispetto alla prova richiesta nei rapporti di tipo privatistico. Pertanto, la mera scelta pertinenziale non può avere alcuna valenza tributaria, perché avrebbe l’unica funzione di eludere il prelievo fiscale, evitando l’assoggettabilità al precetto che impone la tassazione in ragione della reale natura del cespite. E la possibile simulazione di un vincolo di pertinenza, ai sensi dell’art. 817 del Cc., al fine di ottenere un risparmio fiscale, può essere inquadrata nella più ampia categoria dell’abuso del diritto. In conclusione, per qualificare come pertinenza di un fabbricato un’area edificabile, è necessario che intervenga un’oggettiva e funzionale modificazione dello stato dei luoghi che sterilizzi in concreto e stabilmente lo ius edificandi e che non si risolva, quindi, in un mero collegamento materiale, rimovibile ad libitum.


Related Articles

Regolamento Stato civile: eliminata la distinzione tra figli legittimi e naturali

Il 31 marzo 2015 entrerà in vigore il Dpr. 30 gennaio 2015, n. 26 che, in attuazione del’art. 5, comma

FatturaPA: parere favorevole dell’Anci allo Schema di Regolamento che limita le cause di rifiuto

L’Ifel, con la Nota diffusa lo scorso 4 luglio 2019, ha informato che l’Anci ha reso parere favorevole allo Schema di

Entrate: “al via” la sperimentazione sull’accertamento qualificato

È stato pubblicato sulla G.U. n. 210 del 10 settembre 2018 il Decreto Mef 25 maggio 2018, rubricato “Sperimentazione del