Il Comune può promuovere un reclamo di fronte all’Arera

Il Comune può promuovere un reclamo di fronte all’Arera

Tar Lombardia, Milano, sezione I, 14 giugno 2019 n. 1377

Il comune è legittimato a promuovere un reclamo innanzi all’Arera, rivestendo le caratteristiche – in base ai criteri indicati da Arera con la delibera 188/2012/E/com – di operatore che agisce contro un gestore di un sistema di trasmissione, di trasporto, di stoccaggio, di un sistema Gnl o di distribuzione. La natura di ente esponenziale legittima il Comune a ricorrere in sede giurisdizionale contro atti che si assumono lesivi di situazioni sostanziali che si ricollegano alle funzioni ed alla posizione istituzionale del Comune quale Ente pubblico territoriale, e quindi, ogniqualvolta, l’illegittimità dell’atto si traduca concretamente in un pregiudizio o in una perdita di utilità riferibili al Comune, sia come ente amministrativo, sia come ente esponenziale. Nel caso di specie, il Comune non ha acquistato energia per provvedere alle proprie esigenze, quale persona giuridica – come accadrebbe, invece, qualora il Comune acquistasse una fornitura di energia elettrica per illuminare i propri uffici amministrativi, ossia per un uso proprio -, ma, agendo come ente esponenziale, ha ottenuto la fornitura di energia per garantire il servizio di illuminazione pubblica, servizio cui gode la collettività generale, trattandosi di un servizio pubblico indivisibile, di cui non è possibile godere uti singuli, sicché l’utente finale non è il Comune, ma la collettività di cui il Comune è ente esponenziale.

Il servizio di illuminazione pubblica rientra tra i servizi pubblici locali a rete di rilevanza economica, sicché soggiace all’art. 3-bis del Dl. n. 13 agosto 2011, n. 138 (conv. in Legge n. 148/2011), che prevede criteri di organizzazione, demandando espressamente “le funzioni di organizzazione degli stessi, di scelta della forma di gestione, di affidamento della gestione e relativo controllo agli enti di governo degli ambiti o bacini territoriali ottimali e omogenei”. In altre parole, il servizio pubblico di illuminazione non soddisfa un interesse del Comune come soggetto giuridico, ma la collettività di cui l’ente locale è esponenziale e, pertanto, l’utente finale, da intendere in senso funzionale come colui nel cui interesse è effettuata la fornitura energetica, non coincide con il Comune, ma con la collettività che l’ente necessariamente rappresenta; del resto, proprio l’indivisibilità del servizio e la sua funzionalizzazione alla soddisfazione diretta di un interesse della collettività ne comporta il finanziamento non mediante il pagamento di un prezzo da parte di ciascun utente per la porzione di servizio a lui erogato, ma attraverso l’applicazione di una tariffa indistintamente a tutti i residenti del Comune, i quali, complessivamente intesi, beneficiano del servizio e ne sopportano i costi; tale dato oggettivo non è smentito dalla disciplina del Dlgs. n. 504/1995 – T.U. accise, concernendo gli adempimenti dei soggetti obbligati al pagamento delle accise e tale disciplina nulla dice rispetto all’individuazione dell’utente finale del servizio di illuminazione pubblica nel cui interesse è effettuata la fornitura di energia.

Continua a leggere su Diritto dei servizi pubblici locali

Questo contenuto è stato selezionato per i nostri lettori dallo Studio legale Tessarolo, editore di Diritto dei servizi pubblici e partner di Centro Studi Enti Locali.

Diritto dei servizi pubblici è una rivista giuridica telematica che, dal 2001, raccoglie informazioni, articoli, leggi, sentenze ed altri provvedimenti su numerosi argomenti di diritto, con particolare riferimento al diritto dei servizi pubblici locali, a cura dello Studio Legale Tessarolo.


Related Articles

Concessione di aree verdi abbandonate o in disuso: serve sempre il rispetto delle norme di evidenza pubblica

L’Amministrazione di Roma Capitale ha sottoposto all’Anac una richiesta di parere sull’attuazione del programma denominato “Punti Verde Qualità”, avente ad

Sisma Centro Italia 2016: slitta al 30 settembre 2018 il termine per adottare la Delibera sul permanere degli equilibri generali di bilancio

Il perdurare di situazioni di crisi post emergenziale nei territori colpiti dal sisma del 2016 ha portato a una nuova

“Servizio civile universale”: in scadenza il 29 aprile 2022 l’Avviso relativo all’anno 2022

Sul sito del Dipartimento per le Politiche giovanili e il Servizio civile universale è stato pubblicato l’Avviso pubblico di presentazione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.