Il dipendente pubblico fra pensione e permanenza in servizio: importante Sentenza della Corte di Cassazione

Il dipendente pubblico fra pensione e permanenza in servizio: importante Sentenza della Corte di Cassazione

Con la Sentenza 14 settembre 2016, n. 18099, la Corte di Cassazione ha stabilito che, per il collocamento a riposo di un dipendente pubblico il quale, pur avendo raggiunto i 40 anni contributivi ma non i 65 anni di età, chiede di rimanere in servizio, è necessaria un’adeguata motivazione per non accogliere la sua richiesta e non è sufficiente affermare che il lavoratore “possieda i requisiti soggettivi ed oggettivi”.

L’oggetto della Pronuncia trova il suo fondamento giuridico nell’art. 72, comma 11, Dl. n. 112/08 secondo il quale la P.A. ha la facoltà di risolvere il rapporto di lavoro

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Amministratori della Società partecipata: la Cassazione interviene sul tema dello “spoil system”

Nella Sentenza n. 16335 del 18 giugno 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che l’atto di

Pubblico Impiego: si apre il Tavolo per discutere della stagione contrattuale 2016-2018

Si svolgerà oggi, 27 giugno 2017, l’incontro tra le Confederazioni sindacali – voluto dall’Aran – per discutere della stagione contrattuale

Rendita vitalizia: pubblicata la Circolare Inps contenente i profili istruttori per far valere i contributi omessi e caduti in prescrizione

È stata pubblicata sul sito dell’Inps la Circolare n. 78 del 29 maggio 2019, relativa alla “Costituzione di rendita vitalizia