Il dipendente pubblico fra pensione e permanenza in servizio: importante Sentenza della Corte di Cassazione

Il dipendente pubblico fra pensione e permanenza in servizio: importante Sentenza della Corte di Cassazione

Con la Sentenza 14 settembre 2016, n. 18099, la Corte di Cassazione ha stabilito che, per il collocamento a riposo di un dipendente pubblico il quale, pur avendo raggiunto i 40 anni contributivi ma non i 65 anni di età, chiede di rimanere in servizio, è necessaria un’adeguata motivazione per non accogliere la sua richiesta e non è sufficiente affermare che il lavoratore “possieda i requisiti soggettivi ed oggettivi”.

L’oggetto della Pronuncia trova il suo fondamento giuridico nell’art. 72, comma 11, Dl. n. 112/08 secondo il quale la P.A. ha la facoltà di risolvere il rapporto di lavoro

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Mansioni superiori: attribuzione anche senza il consenso del lavoratore

L’Aran, nell’Orientamento applicativo Ral_1945, pubblicato il 26 settembre 2017, ha chiarito che l’assegnazione di mansioni superiori nel rapporto di lavoro

Tariffe e aliquote tributi: nessuna possibilità di modificarli oltre il termine per salvaguardare equilibri di bilancio

Nella Delibera n. 54 dell’11 febbraio 2016 della Corte dei conti Sicilia un Comune ha formulato una richiesta di parere

Edilizia scolastica: via libera al Dpcm. che assegna agli Enti Locali 480 milioni di Euro di maggiori spazi di investimento

Nella riunione del 14 aprile 2016, la Conferenza Stato-Città ha approvato il Dpcm. che assegna, ad oltre 1.500 Enti Locali,