Il dipendente pubblico fra pensione e permanenza in servizio: importante Sentenza della Corte di Cassazione

Il dipendente pubblico fra pensione e permanenza in servizio: importante Sentenza della Corte di Cassazione

Con la Sentenza 14 settembre 2016, n. 18099, la Corte di Cassazione ha stabilito che, per il collocamento a riposo di un dipendente pubblico il quale, pur avendo raggiunto i 40 anni contributivi ma non i 65 anni di età, chiede di rimanere in servizio, è necessaria un’adeguata motivazione per non accogliere la sua richiesta e non è sufficiente affermare che il lavoratore “possieda i requisiti soggettivi ed oggettivi”.

L’oggetto della Pronuncia trova il suo fondamento giuridico nell’art. 72, comma 11, Dl. n. 112/08 secondo il quale la P.A. ha la facoltà di risolvere il rapporto di lavoro

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Contributi Enti Locali a soggetti terzi: possono essere deliberati per iniziative utili per la comunità, nel rispetto della Legge n. 241/1990

Nella Delibera n. 146 del 17 aprile 2019 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco chiede un parere in merito

Mutui Enti Locali: determinazione del costo globale annuo massimo

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 321 del 29 dicembre 2020 il Dm. Mef 21 dicembre 2020, recante “Modifica del

Mancato rispetto del Patto di stabilità: determinate le sanzioni per i Comuni relative all’anno 2014

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, con il Comunicato 9 marzo 2018 ha reso noto il testo