Il Garante sanziona l’Inps per 300.000 Euro, il controllore dei furbetti del “bonus Covid” non tratta in modo lecito i dati personali raccolti

Il Garante sanziona l’Inps per 300.000 Euro, il controllore dei furbetti del “bonus Covid” non tratta in modo lecito i dati personali raccolti

Sommario: 1. Introduzione; 2. I fatti e il contributo; 3. Le criticità rilevate dal Garante; 4. Un monito per ogni Ente che tratti dati personali in modo massiccio; 5. Conclusioni

  1. Introduzione

Ad un anno esatto dall’inizio del lockdown del 2020, il Garante per la protezione dei dati personali ha pubblicato, in data 9 marzo 2021, un provvedimento sanzionatorio nei confronti del massimo istituto previdenziale statale, l’Inps[1]. Il motivo è semplice: il trattamento dei dati personali, raccolti per l’erogazione dell’indennità “bonus Covid” (per ristorare le perdite subite durante i mesi di lockdown), è stato fatto in modo

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Appalti pubblici: il quadro delle novità introdotte dalla “Legge di stabilità 2016”

La Legge n. 208/15 (“Legge di stabilità 2016”), è intervenuta con importanti modifiche anche nel sistema normativo degli appalti pubblici.

La nuova “Scia” e le modifiche della Legge n. 241/90: le novità introdotte dal Dlgs. 30 giugno 2016 n. 126

Dopo il “Foia”, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo “Decreto Scia”, salutato con grande entusiasmo dal Ministro, Marianna

Rendiconti degli Enti Locali: una Delibera della Corte dei conti su scadenze e modalità di invio

Con la Delibera n. 8 del 15 aprile 2014 la Corte dei conti, Sezione delle Autonomie, ha fornito agli Enti

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.