Il ridimensionamento della mobilità nella “Legge Concretezza”

Il ridimensionamento della mobilità nella “Legge Concretezza”

La Legge 19 giugno 2019, n. 56 (cd. “Legge Concretezza”) ha apportato importanti modifiche all’istituto della “mobilità”.

Come è noto, l’art. 30, comma 2-bis, del Dlgs. n. 165/2001, dispone che le Amministrazioni pubbliche, prima di procedere all’espletamento di procedure concorsuali finalizzate alla copertura di posti vacanti in organico, devono (e non possono) attivare le procedure di mobilità, provvedendo, in via prioritaria, all’immissione in ruolo dei dipendenti provenienti da altre Amministrazioni, in posizione di comando o di fuori ruolo, appartenenti alla stessa Area funzionale, che facciano domanda di trasferimento nei ruoli delle Amministrazioni in cui

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Revisori dei conti: chi affronta la revoca anticipata dell’incarico deve essere risarcito dei danni patrimoniali

Nella Sentenza n. 355 del 21 settembre 2016 del Tar Molise, il ricorrente ha chiesto la condanna della Regione e

Rinuncia ad un credito per canoni arretrati dovuti da Associazioni

Corte dei conti – Sezione Seconda Giurisdizionale Centrale d’Appello – Sentenza n. 78 del 12 marzo 2019 Oggetto: Condanna Amministratori

Individuazione e finanziabilità delle spese di investimento mediante il ricorso all’indebitamento

Nella Delibera n. 156 del 23 novembre 2018 della Corte dei conti Puglia, un Sindaco ha chiesto un parere riguardante

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.