Immobili di proprietà di Istituti ecclesiastici: sono esenti Ici se destinati ad attività sanitarie svolte in maniera non commerciale

Immobili di proprietà di Istituti ecclesiastici: sono esenti Ici se destinati ad attività sanitarie svolte in maniera non commerciale

Nell’Ordinanza n. 20417 del 25 agosto 2017 della Corte di Cassazione, una contribuente aveva proposto ricorso avverso un avviso di accertamento Ici per gli anni 2004 e 2005, con il quale un Comune toscano aveva contestato l’omesso versamento del Tributo riguardo ad unità immobiliare (Istituto religioso) destinata a Casa di cura in regime di convenzione per lo svolgimento di attività sanitaria.

La Suprema Corte rileva che il riconoscimento del diritto all’esenzione prevista dall’art. 7, comma 1, lett. i), del Dlgs. n. 504/92, è condizionato alla verifica di 2 requisiti, che debbono necessariamente coesistere:

  • un requisito soggettivo, costituito dallo svolgimento delle
Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Lsu: trasmessi gli ordini di pagamento del contributo per la stabilizzazione

Con il Comunicato 15 ottobre 2014, il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha annunciato che sono stati trasmessi,

Regolamento Stato civile: eliminata la distinzione tra figli legittimi e naturali

Il 31 marzo 2015 entrerà in vigore il Dpr. 30 gennaio 2015, n. 26 che, in attuazione del’art. 5, comma

Centrali uniche di committenza: raggiunta l’intesa sui requisiti per l’iscrizione nell’elenco dei soggetti aggregatori

Con una Nota pubblicata recentemente sul proprio sito il 24 ottobre 2014, la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome