Imposta di bollo: si applica se la fattura contiene importi parzialmente o non assoggettati ad Iva?

Imposta di bollo: si applica se la fattura contiene importi parzialmente o non assoggettati ad Iva?

Il testo del quesito:

L’Imposta di bollo si applicase la fattura contiene importi parzialmente o non assoggettati ad Iva?

 

La risposta dei ns. esperti:

Come regola generale, l’Imposta di bollo di Euro 2,00 si applica [per ogni esemplare con importi superiori ad Euro 77,47] su “fatture, note, conti e simili documenti, recanti addebitamenti o accreditamenti, anche non sottoscritti, ma spediti o consegnati pure tramite terzi; ricevute e quietanze rilasciate dal creditore, o da altri per suo conto, a liberazione totale o parziale di una obbligazione pecuniaria” secondo quanto previsto dall’art. 13 della Tariffa, Parte I, Allegato “A”, del Dpr. n. 642/1972.

Secondo il “principio di alternatività” tra Imposta di bollo ed Iva previsto all’art. 6, della Tabella, Allegato “B”, del Dpr. n. 642/1972, sono esenti da Imposta di bollo “fatture ed altri documenti di cui all’art. 13, della Tariffa riguardanti il pagamento di corrispettivi di operazioni assoggettate ad Iva”.

In ragione di quanto sopra, per fatture di importo superiore ad Euro 77,47, comprendenti sia servizi assoggettati ad Iva in regime di imponibilità che operazioniesenti Iva ex art. 10 delDpr. n. 633/1972 o fuori campo Iva [le cosiddette “fatture miste”], si applica l’Imposta di bollo nel caso in cui la somma di uno o più componenti dell’intero corrispettivo fatturato assoggettato ad Iva in regime di esenzione o non assoggettato a Iva superi gli Euro 77,47.

di Alessio Malucchi


Related Articles

“Pnrr”: pubblicati i primi Avvisi per la digitalizzazione degli Enti

Il Ministero per l’Innovazione tecnologica e la Transizione digitale, tramite una Nota pubblicata sul proprio sito istituzionale il 4 aprile

Mobilità: l’art. 1, comma 49, della Legge n. 311/04 non è applicabile retroattivamente a chi aveva già completato la procedura

Nella Sentenza n. 19101 del 1° agosto 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda l’interpretazione dell’art. 1, commi

Tarsu: legittime le tariffe differenziate tra gli esercizi alberghieri e le abitazioni civili

  Nella Sentenza n. 14758 del 15 luglio 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che, in

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.