Imposta di soggiorno: necessarietà del confronto con le Associazioni di categoria

Imposta di soggiorno: necessarietà del confronto  con le Associazioni di categoria

Nella Sentenza n. 1354 dell’8 luglio 2019 del Tar Calabria, i proprietari di strutture ricettive (ricorrenti) hanno impugnato il Regolamento relativo all’Imposta di soggiorno con cui l’Ente Locale in questione ha provveduto a rimodulare tale Tributo, lamentando la mancata audizione preventiva delle Associazioni di categoria maggiormente rappresentative dei titolari delle strutture ricettive.

I Giudici osservano che l’art. 4 comma 3 del Dlgs. n. 23/2011 prevede che “con Regolamento da adottare entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore del presente Decreto, ai sensi dell’art. 17, comma 1, della Legge n. 400/1988, d’intesa con la Conferenza Stato-città ed Autonomie locali, è dettata la disciplina generale di attuazione dell’Imposta di soggiorno. In conformità con quanto stabilito nel predetto Regolamento, i Comuni, con proprio Regolamento da adottare ai sensi dell’art. 52 del Dlgs. n. 446/1997, sentite le Associazioni maggiormente rappresentative dei titolari delle strutture ricettive, hanno la facoltà di disporre ulteriori modalità applicative del tributo, nonché di prevedere esenzioni e riduzioni per particolari fattispecie o per determinati periodi di tempo”. Quindi, la mancata audizione porta all’illegittimità del Regolamento.  La circostanza che la norma non dia efficacia vincolante a quanto rappresentato dalle Associazioni di categoria non toglie che il confronto con le stesse, ritenuto dalla norma necessario, sia condizione necessaria per l’emanazione del provvedimento.


Related Articles

Criteri di selezione: valutazione del personale impiegato nell’appalto

Nella Sentenza n. 3970 del 27 settembre 2016 del Consiglio di Stato, Sezione Terza, i Giudici si esprimono sui requisiti

“Servizi scolastici”: emanato il Dm. con i prezzi di copertina dei libri di testo della Scuola primaria per l’a.s. 2015/2016

Con il Decreto n. 637 del 28 agosto 2015, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Direzione generale per

Comando: la relativa spesa va contabilizzata unicamente da parte dell’Ente utilizzatore e non dall’Ente cedente

Corte dei conti Piemonte, Delibera n. 149 del 30 settembre 2015 Nella fattispecie in esame il primo quesito formulato dal

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.