Incarichi dirigenziali: termini di durata

Incarichi dirigenziali: termini di durata

Nell’Ordinanza n. 14 del 9 gennaio 2019 del Tar Puglia, i Giudici affermano che l’incarico dirigenziale deve avere durata minima triennale e non può interrompersi automaticamente alla scadenza del mandato elettivo del Sindaco o del Presidente della Provincia. In particolare, i Giudici chiariscono che in tema di affidamento, negli Enti Locali, di incarichi dirigenziali a soggetti esterni all’amministrazione si applica l’art. 19 del Dlgs. n. 165/01 e ss.mm.ii., secondo cui la durata di tali incarichi non può essere inferiore a tre anni nè eccedere il termine di cinque, e non già l’art. 110, comma 3 del Dlgs. n. 267/00, il quale stabilisce che gli incarichi a contratto non possono avere durata superiore al mandato elettivo del Sindaco in carica. La disciplina statale integra quella degli Enti Locali:

  • la prima, con la predeterminazione della durata minima dell’incarico, è volta ad evitare il conferimento di incarichi troppo brevi ed a consentire al Dirigente di esercitare il mandato per un tempo sufficiente ad esprimere le sue capacità ed a conseguire i risultati per i quali l’incarico gli è stato affidato;
  • la seconda ha la funzione di fornire al Sindaco uno strumento per affidare incarichi di rilievo sulla base dell’intuitus personae, anche al di fuori di un rapporto di dipendenza stabile e oltre le dotazioni organiche, e di garantire la collaborazione del funzionario incaricato per tutto il periodo del mandato del Sindaco, fermo restando il rispetto del suddetto termine minimo nell’ipotesi di cessazione di tale mandato.

Related Articles

Stabilizzazione precari: necessario il rispetto dei limiti in materia di spesa di personale

Nella Delibera n. 47 del 20 gennaio 2015 della Corte dei conti Sicilia, un Sindaco chiede un parere in ordine

Mancato rispetto del Patto di stabilità: determinate le sanzioni per i Comuni relative all’anno 2014

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, con il Comunicato 9 marzo 2018 ha reso noto il testo

Comando: la relativa spesa va contabilizzata unicamente da parte dell’Ente utilizzatore e non dall’Ente cedente

Corte dei conti Piemonte, Delibera n. 149 del 30 settembre 2015 Nella fattispecie in esame il primo quesito formulato dal

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.