Incentivi per funzioni tecniche: possibile l’erogazione in caso di modifiche contrattuali derivanti da circostanze impreviste e imprevedibili

Incentivi per funzioni tecniche: possibile l’erogazione in caso di modifiche contrattuali derivanti da circostanze impreviste e imprevedibili

Nella Delibera n. 162 del 12 dicembre 2018 della Corte dei conti Puglia, viene chiesto un parere in merito alla possibilità di erogare gli incentivi per funzioni tecniche ex art. 113 del Dlgs. n. 50/2016, nel caso di modifiche contrattuali derivanti da circostanze impreviste e imprevedibili. La Sezione chiarisce che l’incentivo ex art. 113 del Dlgs. n. 50/2016 è ispirato ad una logica di premialità dell’efficienza. Dunque, non ricorrono ostacoli alla sua erogazione in assenza di difformità da tale parametro, come nel caso delle circostanze impreviste e imprevedibili di cui alle varianti in corso d’opera o delle prestazioni supplementari. In tali evenienze, l’incentivo andrà calcolato con riferimento al nuovo importo a base di gara.

Il presupposto indefettibile ai fini dell’erogazione dell’incentivo deve essere rinvenuto nell’effettivo espletamento, in tutto o in parte, di una o più attività afferenti alla gestione degli appalti pubblici. Conseguentemente, deve ritenersi legittimo il riconoscimento dell’emolumento anche in ipotesi di affidamento all’esterno di una delle attività tassativamente elencate nell’art. 113 del Dlgs. n. 50/2016, purché venga remunerata solo l’attività di supporto a quest’ultima effettivamente svolta dai dipendenti dell’ente. L’art. 113 del Dlgs. n. 50/2016 non contiene alcuna disposizione nel senso della necessaria previsione di un valore minimo d’importo a base di gara per l’applicazione degli incentivi.


Related Articles

Servizio farmaceutico: divieto di promiscuità e di sovrapposizioni

  Nella Sentenza n. 3423 dell’8 luglio 2015 del Consiglio di Stato, i Giudici statuiscono che un titolare di farmacia

Decurtazione 15%: si applica in caso di rinnovo di un contratto di locazione fra 2 P.A.

Nella Delibera n. 258 del 3 ottobre 2016 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha posto un quesito in

“Spending review”: l’indagine della Corte dei conti sulla razionalizzazione degli archivi cartacei

Con la Delibera n. 17 del 30 dicembre 2015, la Sezione di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato ha

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.