Incentivi per funzioni tecniche: possono essere erogati solo dopo la predisposizione del Regolamento da parte dell’Ente

Incentivi per funzioni tecniche: possono essere erogati solo dopo la predisposizione del Regolamento da parte dell’Ente

Nella Delibera n. 35 del 2 agosto 2018 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, viene chiesto un parere in materia di incentivi per funzioni tecniche. La Sezione osserva che, alla luce delle novità legislative introdotte con l’approvazione dell’art. 1, comma 526, della Legge n. 205/2017, gli incentivi disciplinati dall’art. 113 del Dlgs. n. 50/2016, essendo erogati su risorse finanziarie individuate ex lege e facenti capo agli stessi capitoli sui quali gravano gli oneri per i singoli lavori, servizi e forniture, non sono soggetti al vincolo posto al complessivo trattamento economico accessorio dei dipendenti degli Enti pubblici dall’art. 23, comma 2, del Dlgs. n. 75/2017.

Dunque, i compensi incentivanti per funzioni tecniche risultano attualmente svincolati dai limiti vigenti in materia di trattamento accessorio del personale. Infine, la Sezione pone in evidenza che la concreta erogazione di tali compensi può avvenire soltanto a seguito della preventiva predisposizione, da parte dell’Ente, del Regolamento previsto dalla normativa, per non incorrere in quanto previsto dalla Corte di Cassazione nella Sentenza n. 13384/2004, con la quale è stato riconosciuto il risarcimento del danno per inottemperanza all’obbligo di adozione del Regolamento da parte della Amministrazione aggiudicatrice.


Related Articles

Conto giudiziale reso da un Agente contabile: i chiarimenti della Corte Valle d’Aosta

  Nella Sentenza n. 9 del 25 giugno 2015 della Corte dei conti Valle d’Aosta, oggetto della controversia è il

Albo nazionale dei Gestori ambientali: l’iscrizione è requisito di esecuzione e non di partecipazione

Nel Parere dell’Anac n. 221 del 22 dicembre 2015, una Società cooperativa, in relazione alla procedura aperta per l’affidamento dei

Trattamento accessorio personale: indipendentemente dall’origine delle risorse, non può superare l’importo fissato per il 2015

Nella Delibera n. 205 del 20 luglio 2016 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco premette che l’Ente vorrebbe incrementare

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.