Incentivi per funzioni tecniche: quelli maturati tra l’entrata in vigore del “Codice dei contratti pubblici” ed il 1° gennaio 2018 sono soggetti ai limiti del “Fondo salario accessorio”

Incentivi per funzioni tecniche: quelli maturati tra l’entrata in vigore del “Codice dei contratti pubblici” ed il 1° gennaio 2018 sono soggetti ai limiti del “Fondo salario accessorio”

Nella Delibera n. 26 del 30 ottobre 2019 della Corte dei conti Autonomie, gli incentivi tecnici previsti dall’art. 113, comma 2, del Dlgs. n. 50/2016, così come integrato dal comma 5-bis dello stesso articolo, maturati nel periodo temporale che decorre dalla data di entrata in vigore del “Codice” fino al giorno anteriore all’entrata in vigore del citato comma 5-bis (1° gennaio 2018), sono da includere nel tetto dei trattamenti accessori di cui all’art. 1, comma 236, della Legge n. 208/2015, successivamente modificato dall’art. 23 del Dlgs. n. 75/2017, pur se la provvista dei predetti incentivi sia già stata predeterminata nei quadri economici dei singoli appalti, servizi e forniture.


Related Articles

Albo nazionale dei Gestori ambientali: l’iscrizione è requisito di esecuzione e non di partecipazione

Nel Parere dell’Anac n. 221 del 22 dicembre 2015, una Società cooperativa, in relazione alla procedura aperta per l’affidamento dei

Amministratori comunali: rimborso spese di missione in caso di utilizzo di mezzo proprio

Nella Delibera n. 259 del 14 ottobre 2014, pubblicata ieri mattina, la Corte dei conti Lombardia analizza una richiesta di

Volture e successioni: al via la nuova procedura telematica

A partire dal 23 gennaio 2017, i contribuenti potranno presentare la Dichiarazione di successione e le domanda di volture catastali

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.