Indagine su nomina di una Dirigente comunale: illegittima la mancata risposta alla richiesta di accesso agli atti della dipendente in questione

Indagine su nomina di una Dirigente comunale: illegittima la mancata risposta alla richiesta di accesso agli atti della dipendente in questione

Nella Sentenza n. 1409 del 22 giugno 2017 del Tar Lombardia, una ex dipendente comunale ha proposto ricorso contro la mancata risposta alla richiesta di accesso agli atti della Commissione d’indagine istituita dal Consiglio comunale sulla sua nomina a Dirigente dell’Ente.

I Giudici chiariscono che, qualora l’accesso ai documenti amministrativi sia motivato dalla cura o la difesa di propri interessi giuridici, esso prevale sull’esigenza di riservatezza dei terzi. A ciò si aggiunge che dalla lettura delle norme regolamentari comunali non si ricava in via diretta che gli atti della seduta segreta siano automaticamente sottratti all’accesso, atteso che è stabilita soltanto

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Incentivi per funzioni tecniche: possibile il riconoscimento al personale interno anche se la gara è stata espletata dalla Cuc

Nella Delibera 111 del 9 settembre 2020 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco chiede se possa essere riconosciuto al

Attività socialmente utili autofinanziate da Regioni, Province e Comuni: l’Inps riconosce la contribuzione figurativa agli Lsu

Con la Circolare n. 188 del 7 ottobre 2016, l’Inps ha comunicato il prossimo avvio della procedura di riconoscimento della

Bilancio di previsione e rendiconto: prorogate le scadenze per l’invio delle certificazioni dei Comuni colpiti dal sisma nel 2016

È stato pubblicato sulla G.U. n. 290 del 13 dicembre 2017 il Decreto del Ministero dell’Interno datato 4 dicembre 2017