Informativa Antimafia: self cleaning

Informativa Antimafia: self cleaning

Nella Sentenza n. 3945 del 19 giugno 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che è elusiva del provvedimento di Interdittiva Antimafia, adottato dal Prefetto nei confronti di una Società il cui consulente esterno è vicino agli ambienti della malavita organizzata, la misura  di self cleaning posta in essere dalla Società qualche giorno dopo il Provvedimento Antimafia e consistente nella revoca dell’incarico per giusta causa, essendo stata tale revoca adottata subito dopo l’Informazione interdittiva e quindi al presumibile solo scopo di eliminare gli effetti del Provvedimento Antimafia, ferma restando l’inerenza del consulente nella Società.

Quindi è legittimo il diniego di aggiornamento del Provvedimento interdittivo opposto per elusività della misura di self cleaning. Inoltre, i Giudici affermano che ciò che occorre verificare, nel caso di adozione di misure di self cleaning, non è lo scopo soggettivamente perseguito dall’Ente attinto dall’Informativa e dai suoi esponenti, bensì l’effettiva idoneità delle misure stesse a recidere quei collegamenti e cointeressenze con le Associazioni criminali che hanno fondato l’adozione della precedente Informazione Antimafia.


Related Articles

Notifica cartella: Equitalia deve provarla con originale o copia conforme

La Sentenza n. 466/1/14 del 4 novembre 2014 della Ctp Matera, con riferimento alle notifiche delle cartelle di pagamento, i

Istat: pubblicato l’aggiornamento dell’Indice sul costo della vita a giugno 2015

  E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 170 del 24 luglio 2015 il Comunicato dell’Istat contenente l’aggiornamento al mese di

Beni culturali: aperto un canale per segnalare al Governo i luoghi da recuperare

A 3 mesi di distanza dalla data prevista per l’emanazione del Decreto che stanzierà 150 milioni di Euro per recuperare

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.