“InPA”: in G.U. il Decreto relativo alle modalità di utilizzo del Portale per il reclutamento da parte delle Autonomie locali

“InPA”: in G.U. il Decreto relativo alle modalità di utilizzo del Portale per il reclutamento da parte delle Autonomie locali

È stato pubblicato sulla G.U. n. 9 del 12 gennaio 2023 il Decreto 15 settembre 2022 della Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento della Funzione pubblica, relativo alle “Modalità di utilizzo del Portale unico del reclutamento da parte delle Autonomie locali”.

Il Decreto ha l’obiettivo di garantire modalità di reclutamento rapide, trasparenti e innovative, che assicurino l’acquisizione di personale con competenze qualificate e con orientamento al valore pubblico, disponendo per le Regioni e gli Enti Locali l’utilizzo del Portale unico per il reclutamento “InPA”. 

Le Istruzioni operative per l’accesso al Portale e per l’utilizzo delle relative funzionalità saranno definite dal Dipartimento della Funzione pubblica d’intesa con la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, con Anci e Upi, entro il 31 dicembre 2023.

Durante la fase di prima applicazione, non oltre 6 mesi dall’entrata in vigore Decreto, comunque non oltre il 31 maggio 2023, le Regioni e gli Enti Locali possono continuare ad utilizzare anche i propri portali eventualmente già in uso. 

Mediante la relativa Area riservata, le Regioni e gli Enti Locali:

  1. pubblicano Bandi di concorso per il reclutamento di personale a tempo determinato e indeterminato, gli Avvisi per la mobilità dei dipendenti pubblici e gli Avvisi di selezione per il conferimento di incarichi di lavoro autonomo; 
  2. ricevono e monitorano le candidature relative ai Bandi e agli Avvisi; 
  3. producono report e analisi statistiche;
  4. acquisiscono e ricercano i curricula vitae dei candidati;
  5. pubblicano le graduatorie finali di merito e gli esiti delle procedure di cui alla lett. a); 
  6. ricercano professionisti ed esperti a cui conferire incarichi di collaborazione con contratto di lavoro autonomo;
  7. pubblicano l’Avviso selettivo per individuare i componenti degli Organismi indipendenti di valutazione;
  8. effettuano comunicazioni agli utenti. 

Per accedere al Portale, le Regioni e gli Enti Locali nominano uno o più “Responsabile unico” (R.u.) del procedimento, dotato di uno dei Sistemi di identificazione, quali Spid o “Tessera sanitaria”, che accede al Portale attraverso le fasi seguenti:

  • l’autenticazione;
  • la compilazione da parte di un form di richiesta in cui è indicata la Pubblica Amministrazione di riferimento, con in allegato l’apposito Modulo firmato digitalmente; 
  • la trasmissione tramite il Portale della predetta richiesta unitamente al Modulo firmato digitalmente, all’indirizzo di Posta elettronica certificata della Pubblica Amministrazione;
  • il Rappresentante legale dell’Amministrazione di riferimento, ricevuta la posta elettronica certificata, provvede all’autorizzazione/diniego cliccando l’apposito link
  • una volta approvata o negata l’Istanza, il Rappresentante legale provvede a caricare il Modulo di richiesta online, previa controfirma digitale; 
  • il referente del Dipartimento della Funzione pubblica-Presidenza del Consiglio dei Ministri, può visionare, attraverso una apposita consolle, la lista delle richieste pervenute ed eventualmente
  • operare sulle autorizzazioni/disabilitazioni dei Responsabili unici; 
  • al termine, il Portale notifica, via mail al Responsabile unico e via Pec all’Amministrazione, l’esito del processo di autorizzazione. 

Related Articles

Imposte e contributi: disposta la proroga al 20 luglio per Ires e Iva

Come precedentemente annunciato dal Mef con il Comunicato n. 147 del 22 giugno 2020, è stato emanato il Dpcm. 27

Iva e Imposte dirette: chiarimenti sul “ravvedimento operoso” in presenza di violazioni derivanti da condotte fraudolente

L’Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 11/E del 12 maggio 2022, ha fornito chiarimenti in materia di “ravvedimento operoso”

Appalti: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove soglie comunitarie

A seguito della pubblicazione, sulla G.U. dell’Unione Europea n. L337 del 19 dicembre 2017, dei Regolamenti nn. 2364, 2365, 2366

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.