Installazione di un sistema operativo estraneo sul Pc del Comune per fini personali: è danno da disservizio

Installazione di un sistema operativo estraneo sul Pc del Comune per fini personali: è danno da disservizio

Nella Sentenza n. 22 del 10 marzo 2016 della Corte dei conti Liguria, viene chiesta la condanna di un dipendente pubblico al risarcimento del danno, corrispondente alla retribuzione dallo stesso percepita per il tempo di illecita connessione a internet e il risarcimento a titolo di danno da disservizio. In particolare, nel caso di specie, un dipendente aveva abusivamente installato, sul Pc in uso per ragioni d’ufficio, un sistema operativo estraneo, con il quale effettuava sessioni di navigazioni in internet e molteplici accessi ai social network, per fini personali del tutto estranei alle esigenze di servizio, incompatibili con lo svolgimento dell’attività d’ufficio. Quindi, la Sezione afferma che i fatti posti in essere dal dipendente pubblico hanno compromesso l’efficienza e il buon andamento della Pubblica Amministrazione, provocando anche un danno da disservizio.

Corte dei conti Liguria – Sentenza n. 22 del 10 marzo 2016


Related Articles

Trasferimenti erariali: in arrivo 63 milioni per il ristoro ai Comuni per le minori entrate derivanti dalle esenzioni Imu 2021

Il 24 giugno 2021 è stato firmato il Decreto del Ministro dell’Interno, di concerto con il Mef, concernente il riparto

Elezioni per il rinnovo del Consiglio: fino a quando è possibile deliberare le variazioni di bilancio e la salvaguardia degli equilibri?

Il testo del quesito: “Dopo la pubblicazione del Decreto di indizione dei comizi elettorali per il rinnovo del Consiglio comunale,

Anci, le proposte al nuovo Governo per la “Manovra 2020”

Razionalizzare il Sistema di riscossione degli Enti Locali, riordinare la disciplina che regola il dissesto e predissesto delle Amministrazioni, correggere