Interdittiva Antimafia: i legami parentali di per sé non bastano a giustificare un’informativa negativa

Interdittiva Antimafia: i legami parentali di per sé non bastano a giustificare un’informativa negativa

Nella Sentenza n. 1143 del 26 aprile 2017 del Tar Sicilia, la questione controversa in esame ha ad oggetto un’informativa prefettizia interdittiva adottata da una Prefettura nei confronti della Società ricorrente, sulla base della quale si è avuto il diniego d’iscrizione alla c.d. “white list” e la risoluzione di vari rapporti contrattuali. I Giudici siciliani chiariscono che la giurisprudenza amministrativa siciliana ha rivisto di recente i suoi precedenti rigorosi orientamenti in materia ed è pervenuta a soluzioni maggiormente favorevoli alle imprese, le quali sono considerate legittime destinatarie di interdittive negative solo quando la Prefettura indica atti idonei diretti in modo non equivoco a conseguire lo scopo di condizionarne le scelte gestionali.

Inoltre, i Giudici precisano che i legami di natura parenterale, in sé considerati, non possono essere ritenuti idonei a supportare autonomamente un’informativa negativa, assumendo rilievo qualora emerga una concreta verosimiglianza dell’ipotesi di controllo o di condizionamento sull’impresa da parte del soggetto unito da tali legami al Responsabile o all’Amministratore della impresa, ovvero risulti sussistente un intreccio di interessi economici e familiari, dai quali sia possibile desumere la sussistenza dell’oggettivo pericolo che rapporti di collaborazione intercorsi a vario titolo tra soggetti inseriti nello stesso contesto familiare costituiscano strumenti volti a diluire e mascherare l’infiltrazione mafiosa nell’impresa considerata.


Related Articles

Tarsu: gli eredi non sono tenuti al pagamento della Tassa

Commissione Tributaria provinciale di Taranto, Sentenza n.816/3/2017 del 20 marzo 2017   Ai fini del pagamento della Tarsu, nessuna disposizione

Esclusione delle offerte anormalmente basse: obbligo di motivazione

Nel Parere n. 129 del 15 luglio 2015 l’Anac afferma che è l’illegittima l’esclusione dell’operatore economico dalla gara per anomalia

Rimborso anticipato e riduzione dei prestiti: le richieste alla Cassa Depositi e Prestiti entro il 2 dicembre 2019

La Cassa Depositi e Prestiti, con Avviso del 31 ottobre 2019, ha informato che è fissato al 2 dicembre 2019