Istanza di accesso civico generalizzato solo se strumentale ad un interesse generale

Istanza di accesso civico generalizzato solo se strumentale ad un interesse generale

Nella Sentenza n. 1121 del 12 febbraio 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici affermano che uno solo è il presupposto imprescindibile di ammissibilità dell’istanza di accesso civico generalizzato, ossia la sua strumentalità alla tutela di un interesse generale. Quindi, la relativa istanza andrà in ogni caso disattesa ove tale interesse generale della collettività non emerga in modo evidente, oltre che, a maggior ragione, nel caso in cui la stessa sia stata proposta per finalità di carattere privato ed individuale. Pertanto, lo strumento in esame può essere utilizzato solo per evidenti ed esclusive ragioni di tutela di interessi propri della collettività generale dei cittadini, non anche a favore di interessi riferibili, nel caso concreto, a singoli individui od Enti associativi particolari. Al riguardo, il Giudice amministrativo è tenuto a verificare in concreto l’effettività di ciò, a nulla rilevando – tantomeno in termini presuntivi – la circostanza che tali soggetti eventualmente auto-dichiarino di agire quali Enti esponenziali di (più o meno precisati) interessi generali. Dunque, deve concludersi che, sebbene il Legislatore non chieda all’interessato di formalmente motivare la richiesta di accesso generalizzato, la stessa vada disattesa, ove non risulti in modo chiaro ed inequivoco l’esclusiva rispondenza di detta richiesta al soddisfacimento di un interesse che presenti una valenza pubblica, essendo del tutto estraneo al perimetro normativo della fattispecie la strumentalità (anche solo concorrente) ad un bisogno conoscitivo privato. In tal caso, invero, non si tratterebbe di imporre per via ermeneutica un onere non previsto dal Legislatore, bensì di verificare se il soggetto Agente sia o meno legittimato a proporre la relativa istanza.


Related Articles

Competenza delle Commissioni tributarie provinciali: controversie contro i Concessionari del “Servizio di riscossione”

Nella Sentenza n. 44 del 3 marzo 2016 della Corte Costituzionale, con 2 Ordinanze di identico contenuto, una Ctp ha

E-fattura per le cessioni di carburante per autotrazione: in G.U. l’atteso Decreto di proroga al 1° gennaio 2019

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 148 del 28 giugno 2018 il Dl. n. 79/18, recante la “Proroga del termine

Iva: il riaddebito delle spese per distacco di personale rientra nella prestazione principale se non oggetto del contratto di appalto principale

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 224 del 5 luglio 2019, ha chiarito che il riaddebito

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.